Tu sei qui

Moto2, Pole da record per Rabat

La Kalex dello spagnolo abbatte il record di Scott Redding, seguono Zarco e Aegerter

All’ultimo respiro. Proprio così. Tito Rabat fa svanire all’ultimo tentativo i sogni di una memorabile pole per la Caterham di Zarco. Una prestazione maiuscola quella del leader del campionato, che ferma il cronometro sul tempo di 2’10”135, abbattendo il precedente record della pista realizzato da Scott Redding. A Zarco, staccato di oltre due decimi dallo spagnolo, non resta quindi che consolarsi con il secondo posto, precedendo di soli 21 millesimi lo svizzero Aegerter. Primo degli italiani Simone Corsi (+0.654), che domani partirà dall’ottava posizione davanti a un deludente Nakagami (+0.716). Qualifica da cardiopalmo, tanto che in un secondo sono racchiusi ben quattordici piloti.

L’ultima qualifica della giornata si apre sotto il segno di Zarco, primo pilota a scendere sotto il muro dei 2’11, seguito dall’accoppiata svizzera Luthi-Aegerter e da Simone Corsi. Il francese della Caterham riesce addirittura a migliorare il best lap di Redding, abbassandolo di un decimo. Nakagami e Rabat sembrano essere in difficoltà, tanto accusare oltre sette decimi dalla vetta. Intanto Corsi si tocca con Lowes, senza però avere conseguenze. Va peggio a Pons, che cade, riuscendo comunque a ripartire.  Nelle retrovie inseguono Mattia Pasini e Alex De Angelis.

Ad accendere la lotta per la prima fila ci pensa il campione in carica della Moto3, Maverick Viñales, che si porta a soli due decimi da Zarco, precedendo Kallio. A dieci minuti dal termine il colpo di scena, con la caduta di Thomas Luthi che mette la parola fine alle qualifiche dello svizzero, dopo che in mattinata aveva ottenuto il miglior tempo. Lo segue Cortese, così come Krummenacher, anche loro a terra ma senza conseguenze.

Nelle posizioni di testa sembra tenere il tempo di Johann Zarco. Sembra, infatti, perché a togliere la gioia della pole ci pensa all’ultimo giro Rabat.  Il francese è quindi secondo, seguito dalle Suter di Aegerter (+0.287) e Simeon (+0.531). Viñales, autore di un lungo nel finale, non va oltre il sesto posto (+0.573), inseguito dal debuttante Folger (+0.613) e Corsi (+0.654). Più staccati gli altri piloti italiani, a partire dal sanmarinese Alex De Angelis (14° +0.992), mentre addirittura ventesimo Pasini (+1.825) davanti a Morbidelli (+1.910). 24° a oltre due secondi Baldassarri.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti