Tu sei qui

MotoGP, Ad Austin tre frenate da cardiopalmo

Il circuito texano è da considerarsi mediamente impegnativo per i freni

Il circuito di Austin è da considerarsi mediamente impegnativo per gli impianti frenanti delle moto. Sono almeno tre le staccate caratterizzate da decelerazioni estremamente brusche. Degna di nota soprattutto la prima frenata dopo il traguardo, dove le moto passano da circa 310 km/h a circa 65 km/h in circa 200 metri, e quella alla curva 12 caratterizzata da uno spazio di frenata superiore ai 330 metri.

In quel punto le MotoGP arrivano a oltre 360 km/ per rallentare fino ai 75, il tempo di frenata è di 6 secondi con una decelerazione pari a 1,8 g e un carico sulla leva di 9 kg. Il circuito è lungo 5.513 metri e il tempo speso in franata sul giro è pari al 23%.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti