Tu sei qui

News Prodotto, La Polini Italian Cup apre a Castelletto

Debutto stagionale per Pitbike, Vespa, 70 Evo e Mono e 100 Open

La Polini Italian Cup apre a Castelletto

Una calda e soleggiata giornata di primavera ha accolto al Kartodromo di Castelletto di Branduzzo (PV) il circus della Polini Italian Cup, che questa domenica ha visto disputare la prima prova di campionato.

Ancora una volta le parole chiave sono state passione, emozione, sfide e colpi di scena.

Si, perché la Polini Italian Cup non è un semplice trofeo, ma un vero e proprio campionato adrenalinico.

Il format non è cambiato rispetto agli altri anni: prove libere e cronometrate durante la mattina, e due sessioni di gara il pomeriggio.

Pit Bike - Ad inaugurare le danze di Castelletto sono state le Pit Bike: le qualifiche sono state solo un assaggio della competizione che si è riproposta nelle due gare. Se la stagione 2013 era stata dominata dall’inizio alla fine da Gianluca Cuttitta, questo nuovo anno è partito firmato da Gabriele Camorcia, autore della pole position. Dopo la straordinaria performance nella sessione di qualifiche, infatti, in Gara 1 Camorcia ha dato spettacolo con sorpassi e risorpassi su Cuttitta ed Alessandro Fabbri. Gara 2 tiratissima sino alla fine e decisa solo nelle ultime curve, dove Cuttitta ha abilmente infilato Camorcia e Fabbri, concludendo primo.

70 Evolution Open e 70 Evolution Monomarca - Gara congiunta per le categorie 70 Evolution Monomarca e 70 Evolution Open. Le due classi hanno infatti disputato questo primo appuntamento insieme, ma con due classifiche finali distinte.

Dopo aver strappato un tempo da record durante le qualifiche, un incredibile 1’19’’040 che gli ha fatto sfiorare il record della pista, il campione in carica Matteo Tiraferri ha dato spettacolo insieme al compagno di squadra Filippo Corsi. Infatti, entrambe le gare sono state dominate dai due ufficiali Polini, che hanno dettato un ritmo insostenibile: una sfida sino all’ultima curva, in cui Tiraferri ha avuto la meglio. Grande gara anche per l’ex numero due della monomarca Carlo Luigi Gurrieri che, passato alla Categoria Open, ha dato del filo da torcere ai due ufficiali, dominando la prima parte della gara. Classifica invariata in Gara 2, dove Tiraferri ha fatto ancora una volta sua la vittoria davanti a Corsi, Passanisi Domenico e alla new entry Gurrieri, davvero bravo a stare al passo dei due piloti Polini.

Gara 1 combattuta anche per i protagonisti della Categoria Monomarca: primo tempo per Alessandro Fabbri, seguito da Alessio Tarabella e Cristian Picciallo. Peccato per la caduta nelle primissime fasi per Marco Moroni (terzo in griglia): campione 2013, è finito a terra dopo un contatto con Passanisi. Incredibile performance di Fabbri nella seconda manche: caduto nelle prime curve, il pilota del Team GP Racing è stato bravissimo a rialzarsi e riprendere la gara. Giro dopo giro ha recuperato posizioni, riuscendo a chiudere sesto assoluto, ma soprattutto ancora una volta primo di categoria. Seconda posizione per Filippo Tognarelli e terza per Cristian Picciallo.

Al termine della giornata, sul podio: Tiraferri, Corsi e Gurrieri nella categoria Open; Fabbri, Tognarelli e Picciallo nella Monomarca.

Vespa 135 - La prima prova della Polini Italian Cup si apre con la dominazione di Matteo Piacentini, autore lo scorso anno di un campionato al top. In entrambe le manche, il pilota del Team Duepercento ha creato una voragine con gli avversari, vincendo con scioltezza e senza intoppi. Secondo e terzo tempo sia in Gara 1 che in Gara 2 per Marco Leaso e Matteo Rutigliano. Tempi molto buoni anche per gli altri piloti di categoria: quarto posto assoluto per Luca Meneghetti, quinto per Cristian Mammi, sesto per Mauro Bigarella e settimo per Yulien Enzo Vitali.

70 Evolution Amatori - Ben in 22 i piloti che si sono presentati sulla griglia di partenza di Castelletto per prendere parte a questo primo appuntamento della stagione. Due gare combattutissime quelle che hanno visto come protagonisti gli amatori, ai quali il nome di categoria non fa loro giustizia. Sì, perché nonostante la loro “inesperienza”, tutti quanti si sono resi protagonisti con sorpassi, velocità e staccate al limite. Partito con decisione della pole position, Angeli Elia ha portato a casa due vittorie sensazionali e 50 importantissimi punti. Due volte secondo Fabio Novelli, che ha messo dietro Andrea Modena in Gara 1 e Marco Ceriotti in Gara 2.

100 Big Open - Cambia la categoria, ma non i protagonisti. Anche qui i piloti ufficiali Polini dominano alla grande, senza riserve. In Gara 1 è Matteo Tiraferri ad avere la meglio: il romagnolo mette dietro Nico Morelli e Julien Vitali, che vince invece Gara 2. Nel secondo round la sfida è tra Stefano Scribano ed Antonio Righetti per la seconda posizione: i due non ne hanno voluto sapere di mollare l’acceleratore, creando un abisso con il resto della categoria. Il Team Polini mette così la firma su questo primo appuntamento stagionale, imponendosi non solo nelle qualifiche, ma vincendo anche entrambe le manche.

Così in campionato:

PIT BIKE 125cc 4T

1. Camorcia 45; 2. Cuttitta 45; 3. Fabbri 32; 4. Pirrè 26; 5. Lauro 20; 6. Zucchi 10; 7. Carminati 20; 8. Mammi 16; 9. Caddeo 17; 10. Sisti 6.

SCOOTER 70cc EVOLUTION MONOMARCA

1. Fabbri 50; 2. Tognarelli 33; 3. Picciallo 32; 4. Parodi 24; 5. Tarabella 20; 6. Mancuso 10; 7. Moroni 9; 8. Serventi 0.

SCOOTER 70cc EVOLUTION OPEN

1. Tiraferri 50; 2. Corsi 40; 3. Gurrieri 29; 4. Gabellini 24; 5. Zani 20; 6. Nuti 20; 7. Berlini 17; 8. Passanisi 16.

VESPA CLASSIC 135cc

1. Piacentini 50; 2. Leaso 40; 3. Rutigliano 32; 4. Meneghetti 24; 5. Mammi 21; 6. Bigarelli 13; 7. Vitali 0.

SCOOTER 70cc EVOLUTION AMATORI

1. Angeli 50; 2. Novelli 36; 3. Modena 31; 4. Ceriotti 27; 5. Penzo 20; 6. Calce 18; 7. Inversini 16; 8. Frigè 15; 9. Beghelli 13; 10. Tentoni 11; 11. Pagliaccia 10; 12. Rubino 9; 13. Protti 8; 14. Nardini 7; 15. Schiappa 7; 16. Costa 2; 17. Cecchi 0; 18. Cremonese 0; 19. Alberti 0; 20. Cantarella 0.

SCOOTER 94 BIG OPEN

1. Vitali 41; 2. Scribano 33; 3. Morelli 26; 4. Tiraferri 25; 5. Mihael 21; 6. Pelle 19; 7. Brignoli 18; 8. De Carolis

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti