Tu sei qui

MotoGP, In Texas gomme 'vecchie', Lorenzo ringrazia

Problemi alla produzione, Bridgestone porterà gli penumatici 2013 al GP di Austin

Non tutti i mali vengono per nuocere, soprattutto se ti chiami Jorge Lorenzo e hai passato gli ultimi mesi a inveire contro le gomme e il loro produttore. Secondo quanto riporta David Emmett di Motomatters, la Bridgestone avrebbe qualche problema di produzione per gli nuovi pneumatici. Quest’anno, infatti, il costruttore giapponese ha cambiato la carcassa delle proprie coperture, utilizzando esclusivamente quella progettata per le alte temperature che ha il merito di prevenire ogni problema di blistering.

Erano così quelle che hanno usato i piloti nei test invernali e nel GP del Qatar, ora però Bridgestone si è accorta di non fare in tempo a produrne in numero sufficiente per la prossima gara in Texas. Per non consegnare ai piloti specifiche di pneumatici diverse, ha preferito quindi decidere di portare le ‘vecchie’ gomme 2013. Anche perché lo scorso anno quelle coperture, pur senza la carcassa studiata per le alte temperature, non avevano dato nessun problema. Si tratterà comunque solo di un’eccezione perché, dall’Argentina in poi si tornerà alle gomme 2014.

Chi accoglierà sicuramente con un sorriso la notizia è Lorenzo, appunto, che si è più volte lamentato di come le nuove coperture svantaggino la Yamaha. Considerando che il tracciato di Austin è favorevole alla Honda, avere almeno le ‘scarpe’ giuste ai piedi è un piccolo vantaggio gradito.

Un’ultima nota a margine. Fa pensare il fatto che quando i piloti chiedano modifiche o un passo indietro alla Bridgestone, questa risponda sempre che ormai il processo di produzione è completato o che di gomme vecchie non ce ne sono più. Quelle per Austin le avevano dimenticate in qualche sgabuzzino, forse…

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti