Tu sei qui

SBK, Ciao Claudio, Principe della Superbike

Ci ha lasciato la memoria storica del mondiale delle derivate di serie

Oggi alle ore 15 nella Basilica di San Lorenzo fuori le Mura, al Verano, daremo l'ultimo saluto a Claudio Porrozzi, il principe della Superbike.

Ed Direttore dello storico mensile La Moto, nato da una costola di motosport, primo settimanale sportivo di motociclismo italiano, fucina di molti fra i giornalisti delle due ruote, ci ha lasciato dopo una breve e feroce malattia.

Negli ultimi tempi, non volendo più scrivere, ha affidato il testimone a Luca Semprini, seguendolo nel suo apprendistato con l'affetto di un fratello maggiore e i consigli di un padre.

Al fratello, Fabrizio Porrozzi, a cui dobbiamo la gran parte delle immagini della SBK ed al figlio Federico, che ne ha raccolto l'eredità, un grande abbraccio.

(p.s.)

 

di Luca Semprini

Ci incontrammo per la prima volta ad Imola, luogo magico per un bolognese come me, soprattutto se cresciuto ammirando le imprese di un pilota brasiliano con il casco giallo. Era il 2011 ed io ero lì, principalmente, per bagnare i miei (relativamente) giovani piedi nello stagno delle corse ed offrire supporto. Una stretta di mano e via con le interviste. Di solito la "spina" riceve ordini, tu mi desti consigli. I primi di una lunga serie.

In un mondo che fa della velocità il proprio marchio di fabbrica, dove non corrono solo i piloti ma tutti gli addetti ai lavori, ognuno inseguendo un traguardo suo e spesso elusivo, ti prendevi sempre il tuo tempo. Dalla meticolosa lettura della rassegna stampa ogni mattina alla lunga passeggiata nei box nelle ore serali, quando si spengono le luci ed i motori, a prendere il polso dei protagonisti e, cosa più importante, dei rispettivi cast di supporto. Non solo facendo domande, ma anche provando ad offrire risposte.

Un maratoneta paziente e risoluto, in un mondo prevalentemente di sprinter. Magari questi ultimi vedono prima il singolo traguardo ma, appena sono costretti a fermarsi, hanno la vista offuscata ed il fiato corto. Tu invece, caro Claudio, sapevi descrivere come nessuno mai i retroscena, tracciare i fili conduttori, elaborare i "come" ed i "perché", osservando con maggior cura ogni singolo dettaglio sul percorso.

Di te ricorderò soprattutto l'umanità e la compassione. Dietro alle carene luccicanti, oltre le pareti delle hospitality, sotto al fascino seducente della velocità, si nascondono livori e invidie che (come scrisse Tito Livio) si dirigono sempre verso i posti più elevati. Le tue critiche, al contrario della maggioranza, erano invece pacate, dirette, oneste. Senza secondi fini, dettate da una costante consapevolezza della fallibilità umana, la nostra in primis.

Per usare una metafora del gioco, il tuo sorriso scaturiva dalla possibilità di sedersi al tavolo, di conoscerne le regole ed osservarne le dinamiche, non dalle vincite in sé. Il croupier (qualsiasi nome gli si voglia dare) ti ha servito più di una brutta mano, ma hai resistito finché hai potuto. Non è questo, in fondo, ciò che dovremmo tutti imparare a fare?

Non avrei mai voluto scrivere queste parole. Ciao collega, mentore, ma soprattutto amico. Tienici d'occhio, dovunque tu sia.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti