Tu sei qui

MotoGP, Qatar, mea culpa di Lorenzo: ho esagerato...

"...ma avrei potuto vincere. Dopo ho tifato per Valentino, ma Marquez è stato un fenomeno"

È un Jorge Lorenzo battuto ma non sconfitto quello che si appresta a lasciare il Qatar a bocca asciutta dopo la gara di apertura della MotoGP. Una caduta quando era in testa alla fine del primo giro lo ha tolto prematuramente dai giochi ma, con lo spirito analitico che lo contraddistingue, il maiorchino ha cercato di offrire un resoconto lucido dell'accaduto, mettendo le cose in prospettiva.

Che è successo?

"Ho sbagliato io, non ho tenuto conto della diversità degli pneumatici rispetto allo scorso anno, della temperatura un po' più fredda della pista – perché correvamo più tardi che in prova – e del fatto che ci fossero meno curve a sinistra. Sono entrato in curva troppo veloce, pensavo che la gomma tenesse ma l'anteriore si è caricato troppo ed ha ceduto all'improvviso. Non ho potuto fare nulla per evitare la caduta".

Quanto ti pesa la caduta?

"Era molto tempo che non facevo un errore in gara, ma sono umano, non c'è altro da aggiungere. Ho perso punti importanti perché avrei potuto finire ai primi posti. Bisogna solo imparare da questo errore, senza guardarsi troppo alle spalle".

Quanto ha influito l'aver saltato i test?

"Ho semplicemente giocato male le mie carte rispetto a quelli che sono finiti sul podio. Eravamo tutti nella stessa barca, ma loro hanno fatto meglio di me".

Qual è la situazione con le gomme?

"Il nuovo posteriore non aiuta abbastanza a rallentare la moto in inserimento di curva, anche se nel corso del fine settimana eravamo riusciti a migliorare la situazione. Averne una nuova al posteriore sarebbe positivo per tutti, ma non credo sarà possibile per il Texas".

Senza la caduta, avresti potuto vincere?

"Inutile pensarci troppo, ma credo di sì. La moto era migliorata rispetto al warm-up. Avrei potuto giocarmela con Marc e Vale. Devo guardare al lato positivo: non mi sono infortunato, ho solo qualche livido. Il campionato è ancora lungo, bisogna avere pazienza".

Tra Rossi e Marquez è stata una bella battaglia però…

"Sì, ma avrei preferito che vincesse Valentino, perché è un pilota Yamaha. Ha fatto una gara incredibile, ma Marc è stato fenomeno, vincendo nonostante l'infortunio. Si è meritato pienamente la vittoria".

Cosa ti aspetti per la prossima gara?

"Partiamo con gli stessi pneumatici, non so se avremo abbastanza aderenza. Lo scorso anno, soprattutto al mattino quando faceva freddo, le gomme ci mettevano molto a scaldarsi. Inizialmente potremmo avere gli stessi problemi".


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti