Tu sei qui

Rossi: ci hanno svantaggiato fin troppo

"Impossibile prevedere come andrà la gara. Espargaro il favorito, le Ducati da podio"

Il veterano delle MotoGP ha un grosso punto interrogativo disegnato sul volto. Fino a pochi minuti prima di parlare coi i giornalisti, Valentino era seduto nel suo ufficio a studiare tempi e cronologici. Dal cilindro di Carmelo Ezpeleta è uscito un trucco mai visto prima e forse nemmeno del tutto voluto. “Forse non è la situazione più strana in cui mi sia mai trovato nella mia carriera – riflette - ma sicuramente negli ultimi anni non era mai successo nulla di simile”.

E’ una tragedia?

E’ una situazione veramente difficile da capire, Aleix Espargaró va veramente forte con entrambe le gomme. A parte lui, siamo tutti vicini, ci sono undici piloti in un secondo”.

Hai rischiato di non entrare direttamente in Q2.

L’obiettivo minimo era stare nei primi dieci e visto come è andata non era così scontato. Direi che mi è mancato il giro singolo. Sono stato sempre davanti a Lorenzo, ma lui è stato bravo a togliere quei decimi alla fine”.

Saranno fondamentali in qualifica.

Devo togliere due o tre decimi domani, ogni posizione guadagnata sullo schieramento di partenza sarà fondamentale. Siamo in tanti ad avere un passo simile: io, Marc, Jorge, Dani, Bradl e Bautista, lui fra le Factory mi sembra quello più competitivo”.

E poi c’è Aleix.

Lui è il favorito per la vittoria, l’unico che riesce ad andare forte con tutti i tipi di gomma. Non sottovaluto neppure Iannone e Dovizioso con la Ducati, non sono competitivi solo sul giro secco, riescono a stare sul 1’56” basso di passo, potrebbero stare davanti tutta la gara”.

Come ti spieghi la competitività di Espargaró?

Sta guidando veramente bene, è galvanizzato e ci sta mettendo qualcosa in più. Non son spiegarmi questa differenza con lui perché è più veloce anche a parità di gomma. Eppure il suo telaio è più vecchio, non dovrebbe andare meglio. La benzina in più aiuta, ma in prova non usiamo strategie per limitare i consumi”.

E per la gara?

Lì rischierò molto, sono veramente al limite con il carburante”.

Le gomme hanno una grande influenza?

Con le Yamaha soffriamo molto, soprattutto quando apriamo il gas a moto piegata: il posteriore scivola subito molto. Ho provato anche la dura, potrebbe essere un opzione per me. Abbiamo parlato di questo argomento anche in Safety Commission, ma per il momento non sono previsti cambiamenti”.

Cosa dobbiamo aspettarci domenica?

Chi azzecca il podio è bravo, sarà una di quelle gare dove puoi fare nono, come vincere, come salire sul podio”.

Allora chi ha cambiato i regolamenti ci ha azzeccato.

Sì e alla faccia di Honda e Yamaha ufficiali. Volevano penalizzarci ma lo hanno fatto fin troppo”.


Articoli che potrebbero interessarti