Tu sei qui

MotoGP, Che burla! La Ducati torna 'Factory'

La casa italiana avrà però egualmente i vantaggi della 'Open'. Limitazioni in caso di vittorie

Tanto tuonò che piovve. Direttamente alla vigilia dell'apertura iridata la GP Commission ha partorito le nuove regole per la MotoGP che pur proiettandosi nel 2016 hanno effetto immediato.

La novità più importante è che la GPC, preso atto della mossa a sorpresa della Ducati di correre nella 'Open', ha deciso di riportare la casa italiana fra le 'Factory', concedendogli però il vantaggio di gareggiare con le specifiche 'Open' per quanto riguarda carburante, gomme e numero di motori. Ciò significa, però, che la Rossa da brava Factory correrà con il suo software proprietario.

Rimane invece l'introduzione delle limitazioni in caso di vittoria o piazzamenti che si erano ipotizzati per la Factory 2 che, dunque, ufficialmente non nasce, se non nello spirito.

In parole povere la MSMA 'regala' alla Ducati, come fece nel passato alla Suzuki, dei vantaggi per permetterle di tornare competitiva. Vantaggi che saranno ridimensionati quando la competitività sarà stata recuperata. Nel contempo con il medesimo articolo 2 si impedisce a Honda e Yamaha, entrambe vincitrici di Gran Premio, di passare Open. Ci si poteva pensare prima, perché alla fine la Casa che beneficerà di più delle regole Open sarà la Yamaha con la sua competitiva M1 2013 (non soggetta a limitazioni in caso di vittoria o piazzamenti ripetuti.

Un calcio d'angolo della Dorna, dunque, per salvare capra e cavoli, che ha come unico vantaggio l'accordo della MSMA di passare già nel 2016 (e non a partire dal 2017) al software unico.

Spaventata dalla possibilità di una eccessiva competitività della Ducati, dopo la scelta di correre in Open Class, si è rimediato in questo modo che fa contenti tutti. Certo, la serietà è un'altra cosa, ma (per la Dorna) il fine giustifica i mezzi e il 2016 come anno di approdo al software unico non è poca cosa.

"Bisogna però guardare all'articolo 1 - sottolinea Paolo Ciabatti - si è fatto un grosso passo avanti e dal 2016 tutti useranno lo stesso software. L'obiettivo era questo. Ed anche permettere a chi, come noi, deve fare dello sviluppo, di farlo".

p.s.

Il comunicato:

La Grand Prix Commission, composta da Carmelo Ezpeleta (Dorna), Ignacio Verneda (Direttore Esecutivo FIM), Hervé Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA), in una riunione tenutasi il 18 marzo 2014 in Qatar, ha approvato all’unanimità le seguenti norme relative alla classe MotoGP.

1. L’adozione della centralina e del software del Campionato diventerà obbligatoria a partire dal 2016 per tutti gli iscritti.

Tutti i partecipanti attuali e gli iscritti in prospettiva alla classe MotoGP collaboreranno alla progettazione e allo sviluppo del software ECU del Campionato.

Durante lo sviluppo del software verrà istituito un sito web, a numero chiuso, per consentire ai partecipanti di monitorare l’evoluzione del software e proporre i propri suggerimenti per eventuali modifiche .

2. Con effetto immediato, ogni Costruttore, i cui piloti siano iscritti sotto l'opzione Factory e che non abbia ottenuto almeno una vittoria sull’asciutto nella stagione precedente, e ogni nuovo Costruttore che si iscrive al Campionato, ha diritto a 12 motori a stagione per pilota (senza congelamento dello sviluppo), 24 litri di carburante e le gomme della categoria Open. Questa concessione rimarrà valida fino all'inizio della stagione 2016.

3. Le concessioni di cui sopra verranno ridimensionate nei casi seguenti:

Se un pilota, o una combinazione di piloti nominati dallo stesso Costruttore, che partecipano alle condizioni descritte nel paragrafo 2, dovesse ottenere una vittoria, o due secondi posti o tre podi in condizioni di asciutto nel corso della stagione 2014, per il suddetto Costruttore la capacità del serbatoio verrà ridotta a 22 litri. Inoltre, qualora lo stesso Costruttore ottenesse tre vittorie nella stagione 2014 perderebbe il diritto di usare le gomme morbide disponibili per gli iscritti alla categoria Open.

In ciascuno dei casi descritti le limitazioni verranno applicate alle restanti gare della stagione 2014 e a tutta la stagione 2015.

 

 

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti