Tu sei qui

Moto3, Team Italia: siamo sulla strada giusta

Ferrari e Locatelli promuovono il nuovo motore Mahindra: "a livello della concorrenza"

L’ultimo giorno di test invernali per il Team Italia è stato il primo con il nuovo motore Mahindra che Ferrari e Locatelli useranno a partire dal GP del Qatar. Un componente che ha permesso ai due piloti di fare un piccolo salto in avanti in classifica (Matteo è 26° e Andrea 25°) nonostante il poco tempo a disposizione per adattarsi al meglio e la necessità di non gravare troppo sul chilometraggio del propulsore. A fare il punto della situazione è il capotecnico della squadra Emanuele Ventura. “Non nascondo che abbiamo avuto qualche difficoltà nella prima parte dei test – ammette – Non conoscevamo la moto e Mahindra si è concentrata sullo sviluppo per il 2014. Noi usavamo la moto 2013 e l’innesto di nuovi componenti a volte ha creato qualche guaio”.

Il nuovo motore però sembra avere messo a posto le cose, “spinge di più e questo ci ha fatto fare un passo in avanti – conferma – anche compatibilmente all’esigenza di non caricarlo di troppi chilometri. È un’evoluzione dell’unità dello scorso anno e ci fa andare a casa più contenti. Soprattutto perché siamo riusciti a trovare una buona base per il setup della moto, ora che abbiamo trovato la strada giusta potremo concentrarci sugli affinamenti di gara in gara”.

Anche i piloti sono sulla stessa linea del loro tecnico. “Sono contento, bisogna considerare che questo motore è più veloce e quindi abbiamo dovuto modificare l’assetto della moto – dice Matteo Ferrari Il mio tempo è sicuramente migliorabile, ma è venuto subito e questo mi fa essere fiducioso. Sul rettilineo non perdiamo dalla concorrenza in velocità massima. In Qatar ripartiremo da una buona base”.

Anche Andrea Locatelli mette in archivio la giornata con soddisfazione. “E’ stata una giornata positiva, ho tolto un secondo dal tempo di ieri – afferma – Un po’ e merito del motore e un po’ della messa a punto. Essendo io un debuttante non posso che essere contento, gli altri piloti Mahindra sono davanti ma hanno molta più esperienza di me. Oggi ho avuto una carica di fiducia, sono più che positivo”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti