Tu sei qui

Moto2, Test Jerez: OK Morbidelli e Baldassarri

I TEMPI ALLE 12.30: I due rookie rientrano nella Top 10. Fenati 9º in Moto3

La terza ed ultima giornata di prove della Moto3 a Jerez è cominciata nel segno dei protagonisti di ieri nelle rispettive categorie, ovvero Jack Miller e Takaaki Nakagami. Sia l'australiano che il giapponese, tuttavia, sono braccati da un gruppo agguerrito di inseguitori. In Moto2, gli esordienti Lorenzo Baldassarri e Franco Morbidelli sono tra quelli ad aver limato più decimi rispetto a ieri e sono risaliti rispettivamente fino alla settima e nona posizione. Miglioramenti anche per Romano Fenati, primo azzurro in Moto3 con il nono tempo provvisorio.

Moto3 – Pur senza migliorare l'1'46.2 con il quale si è aggiudicato il primato ieri, Jack Miller su KTM resta al comando della classifica dei tempi con un 1'46.326. L'australiano su KTM ha preceduto di misura i compagni di marca Karel Hanika (+0.055), sorprendente al debutto e già oltre un secondo più rapido di ieri, e Jakub Kornfeil (+0.062). Migliora di circa otto decimi Alex Marquez, primo su Honda in quarta posizione assoluta (+0.107). Passi avanti anche per Alex Rins, sesto (+0.468) alle spalle di Danny Kent.

Romano Fenati è nono e primo dei piloti a non essere scesi sotto all'1'47. L'ascolano ha comunque tolto un paio di decimi ai propri riferimenti, e l'obiettivo resta quello di migliorare l'aderenza al posteriore con gomme usate.  Stentano a migliorare invece Niccolò Antonelli, tredicesimo (+1.020), e Francesco Bagnaia, diciasettesimo (+1.422). Alle spalle di Bagnaia, Alessandro Tonucci si avvicina alla Top 15, dalla quale lo separano ancora cinque decimi, limando mezzo secondo. Più lontani gli altri "azzurrini", con Enea Bastianini 24º, Andrea Locatelli 25º, e Matteo Ferrari 28º.

Moto2 – Dopo essersi aggiudicato la vetta della classifica dei tempi ieri, Takaaki Nakagami ha continuato a martellare sul gas, limando altri tre decimi e scendendo fino a 1'42.206, già mezzo secondo sotto al best lap ufficiale di 1'42.706. Conferma i grandi passi avanti di ieri anche Sandro Cortese, secondo a +0.187, mentre Thomas Luthi chiude il podio virtuale a +0.266 ma ha evidenziato il passo migliore, con otto giri in 1'42.

I distacchi, come nella seconda giornata, rimangono ridotti all'osso: i primi 16 piloti sono racchiusi in un secondo. Seguono Xavier Simeon e Johann Zarco, mentre Simone Corsi si conferma come l'italiano più veloce nella categoria intermedia su Forward KLX con un 1'42.822 (un decimo più veloce di ieri), distanziato di 0.616 in sesta posizione. Alle sue spalle c'è Lorenzo Baldassarri sulla Suter del team Gresini (+0.654), oggi più concentrato sul giro secco dopo i buoni riscontri ottenuti nel long-run di ieri.

Entra per la prima volta nella Top 10 anche Franco Morbidelli, nono (+0.730) e sette decimi più veloce rispetto a ieri con la Kalex di Italtrans. Tra il giovane campione in carica della Stk600 ed Alex De Angelis, undicesimo (+0.807) su tempi analoghi a quelli di ieri, c'è l'esordiente Sam Lowes su SpeedUp. Quindicesimo tempo per Mattia Pasini (+0.983).

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti