Tu sei qui

MotoGP, Iannone: stiamo incominciando a capire

I commenti dei piloti alla fine del secondo giorno di test. Petrucci: "problemi di elettronica"

La risposta della Honda è arrivata, se ieri la giornata era stata sotto il segno della Yamaha oggi la Casa di Tokyo si è presa la sua rivincita. Bautista ha tirato fuori gli artigli e Bradl gli ha fatto da spalla. Lo spagnolo e il tedesco sono stati i più veloci, pur lamentando ancora qualche problema, figlio anche delle nuove gomme da risolvere. Non è contento invece Aleix Espargaró, nonostante il terzo tempo, che non è riuscito a migliorarsi rispetto a ieri. Impegnati a lavorare sul passo gara i piloti di Tech3, come anche quelli della Ducati che stanno cercando di mettere a punto la moto con la nuova elettronica.

Andrea Iannone: "Oggi è stato positivo, siamo migliorati rispetto a ieri sulla costanza sul giro. Abbiamo migliorato anche il nostro giro veloce che attualmente non è il nostro obbiettivo. Sono soddisfatto del lavoro che stiamo facendo, ancora ci restano un po' di cose da capire. Domani sarà una giornata importante dove continueremo a lavorare per trovare la soluzione più adatta per migliorarci".

Yonny Hernandez: "Sono soddisfatto del lavoro fatto oggi, sono riuscito a migliorare il mio tempo sul giro rispetto a ieri. Voglio lavorare passo per passo per trovare la giusta messa a punto. Purtroppo sono scivolato ma sto bene. Spero di riuscire a migliorare ancora domani. Con il team abbiamo pianificato ancora di lavorare sulla durata della gomma e di modificare leggermente la geometria della moto".

Stefan BradlStefan Bradl: “Sono felice di com’è andata oggi ma c’è ancora un punto debole da risolvere. Nonostante i nostri sforzi, non siamo riusciti a trovare la perfetta soluzione per la mancanza di grip al posteriore. Fatico ancora al massimo angolo di piega e perso in uscita dalle curve. È una cosa un po’ frustrante, ma sembra comune a tutti i piloti qui”.

Alvaro Bautista:Sono molto contento per il miglior tempo ottenuto oggi: le sensazioni sono migliori rispetto a ieri e il mio feeling con l’anteriore adesso è più elevato, anche se qualche problema rimane. Questa pista, del resto, è sempre stata un po’ ostica per noi. Non siamo ancora al cento per cento, ma domani potremo sfruttare ancora un’ultima giornata di test per provare a fare un altro passo in avanti. Le opzioni sono due: provare una modifica importante, provando quindi a prendere un’altra direzione, oppure mantenere la base raggiunta oggi e provare ad affinarla. Per quanto riguarda il passo di gara, oggi sono riuscito a percorrere tanti giri in 1’56”, ma sono riscontri poco significativi perché oggi sono sempre sceso in pista provando continuamente delle modifiche. Domani faremo un long run vero e proprio, per capire a che punto siamo in vista del primo Gran Premio”.

Scott ReddingScott Redding: Oggi il mio feeling con la moto è migliorato: abbiamo lavorato molto sull’anteriore, che ora mi offre una maggior confidenza in ingresso di curva, oltre ad una migliore stabilità in frenata. Tutto ciò mi sta aiutando molto ad essere più costante. A questo punto rimane un solo giorno di test prima del mio debutto in MotoGP: credo che siamo già a buon punto nella preparazione in vista della prima gara, ma domani proveremo comunque una simulazione di gara per capire meglio il consumo delle gomme e il comportamento della moto quando il carburante si consuma. Durante tutti i test invernali il divario da Hayden si è man mano ridotto: domani cercheremo di capire se riusciremo a tenere il suo stesso ritmo anche sulla distanza di gara”.

Nicky Hayden:Oggi abbiamo lavorato per migliorare la nostra costanza. Ho fatto qualche long run ma non ho percorso l’intera distanza di gara, la moto e le gomme funzionano bene. Ovviamente vorremo essere più veloci, ma il passo è buono e costante dal primo all’ultimo giro. Speriamo domani di migliorare la nostra velocità, abbiamo lavorato con la gomma dura al posteriore e fatto alcuni buoni giri. Siamo ancora al 9° posto, ma c’è molto spazio per migliorare”.

Danilo PetrucciDanilo Petrucci:Oggi ho girato veramente poco, ma ci sta. Abbiamo avuto qualche problema con l’elettronica della nostra moto. Ma ci sta, questo è il nostro secondo giorno di prove della nuova stagione, stiamo avendo quei problemi che gli altri hanno avuto nei primi giorni di test. La mia squadra e gli ingegneri dell’Aprilia ha lavorato insieme ai ragazzi della Marelli e domani spero di fare molti più chilometri di oggi”.

Bradley Smith:Oggi abbiamo lavorato principalmente sul posteriore della moto e abbiamo cercato di migliorare la prestazione sul giro. Abbiamo trovato una direzione da seguire e sono abbastanza eccitato per domani perché abbiamo qualche idea da provare, penso che posso ancora migliorare il passo, anche se è già buono. Se potessimo incominciare a stare tra il 1’55” medio e basso sarebbe meraviglioso. Siamo anche progrediti con le nuove gomme e sono contento di come si comporta la moto. Domani lavorerò sul setting da qualifica e poi farò una simulazione di gara”.

Pol EspargaroPol Espargaro: Mi ha fatto piacere avere fatto la mia prima simulazione di gara con una MotoGP. Alla fine ero un po’ stanco, ma soddisfatto delle prestazioni della moto. Naturalmente abbiamo ancora margini di miglioramento. È complicato guidare con le gomme usate ed è il punto su cui ci concentreremo. Quando il grip incomincia a scendere diventa difficile, specialmente con il traction control, devo ancora imparare a gestirlo ma credo sia solo questione di esperienza. Inoltre facendo così tanti giri da solo, non è per niente facile mantenere la concentrazione, ma è una prova che ci è servita anche per quanto riguarda i consumi. Domani avrò ancora cose da provare, per esempio voglio spingere nel giro secco, non lo ho ancora fatto, se non all’inizio con condizioni delle pista non perfette”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti