Tu sei qui

MotoGP, Rossi: la gomma giusta? opinioni diverse

Long run per Pedrosa, problemi per Lorenzo. Dovizioso: "Ducati più vicina a Honda e Yamaha"

I test di Phillip Island, gli ultimi per i piloti ufficiali prima della partenza del campionato in Qatar, stanno volgendo al termine. Nella seconda giornata i piloti hanno continuato a provare le coperture sperimentali portate da Bridgestone, mettendole alla frusta anche con dei long run. “Abbiamo lavorato molto oggiconferma Valentino Rossi Ho fatto due ‘mezze’ simulazioni di gara con due gomme diverse, concentrandomi su mescole differenti”.

Il Dottore è riuscito a ottenere anche le risposte che servivano, sia a lui che al gommista giapponese. “Con il primo pneumatico ho avuto qualche problema – spiega – ma con il secondo sono stato più veloce e le sensazioni dopo 14 giri non erano male. Penso che abbiamo trovato qualcosa di positivo e Bridgestone può ora recuperare le informazioni da tutti i piloti per arrivare alla decisione su quale sia la gomma migliore per il GP di ottobre. Non sarà comunque facile, perché non tutti i piloti sono d’accordo su quale funzioni meglio”.

Lavoro simile anche per il compagno di squadra Jorge Lorenzo, che anche oggi è rimasto in cima alla lista dei tempi. “Oggi ho potuto provare una nuova gomma, che aveva già utilizzato Valentino ieri – ha detto – Altre due invece sono state eliminate dopo la bocciatura di Rossi. Ho avuto più tempo per comparare la nuova copertura con quella standard dello scorso anno”. Lo pneumatico però non ha passato l’esame del maiorchino: “avevo in programma una simulazione di 14 giri, ma ho deciso di fermarmi. Ho iniziato bene, con tempo sul 1’29” e mezzo, ma c’è stato un calo improvviso. Non era la gomma giusta. Spero domani non piova, in modo da potere capire qual è lo pneumatico giusto per la gara. Per adesso, non avendo fatto long run, non so ancora quale sia l’opzione migliore.

Andrea Dovizioso oggi è riuscito a scendere in pista senza avere più i postumi dell’influenza. “Fisicamente mi sento bene e sono riuscito a lavorare normalmente – conferma - È andata bene, sia per quanto riguarda il tempo che le sensazioni. Non c’era molto vento e sono contento anche perché sono riuscito a essere costante per tutta la giornata, nonostante il caldo che  ci ha costretto ai box per tre ore. Non ho fatto un long run perché non avevamo tempo, ma c’è una gomma che sembra buona, anche se non sappiamo se regga per 26 giri”. Gomme a parte, anche la Desmosedici sta continuando a dargli le risposte giuste: “in questo circuito ho sempre faticato, specialmente con la Ducati, invece adesso siamo vicini agli avversari, Lorenzo a parte, che ha un altro passo rispetto a tutti”.

Il più critico ieri era stato Cal Crutchlow, che invece oggi si è dimostrato più ottimista. “Alla fine abbiamo trovato una gomma migliore, sembra buona e non ha meno grip rispetto alla standard –dice - Sembra essere anche molto costante e permettere di portare a termine la gara senza problemi. È stata una giornata migliore.  Fatto qualche lavoro di setup sulla moto, i tempi sono stati buoni e soprattutto costanti”.

Dani Pedrosa con le gomme affidategli da Bridgestone è riuscito a chiudere un’uscita di una ventina di giri. “Oggi ho provato altre due gomme, con la stessa mescola ma con carcasse differenti – racconta – Le sensazioni non sono state buone. Comunque, abbiamo scelto la migliore fra quelle usate in questi due giorni per un run di 20 giri. È andata abbastanza bene, ma adesso tocca a Bridgestone analizzare tutti i dati e dirci come continuare domani”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti