Tu sei qui

MotoGP, Pedrosa "stanco", Bautista 1ª punta Honda

"Nuova sospensione OK, anche con le gomme va meglio". Dani: "Poca aderenza e jet-lag"

Senza Marc Marquez e con Dani Pedrosa non al massimo della forma, è stato Alvaro Bautista a portare i vessilli Honda nella prima giornata di prove della MotoGP a Sepang. Il pilota del team Gresini è l'unico su RC213V attualmente nella Top 5, ed ha chiuso il turno con il miglior tempo grazie ad un 2'00.848 trovato al sessantesimo giro di sessantuno percorsi.

"È stato un giorno di prove veramente molto positivo – ha commentato Bautista – Abbiamo lavorato molto bene sul posteriore della moto, un’area che a inizio mese ci aveva dato qualche problema di troppo, ottenendo ottimi riscontri. Showa ha realizzato un nuovo ammortizzatore alquanto differente da quello usato finora, che si è subito dimostrato adatto alle nostre esigenze".

A darne prova, il miglior crono dello spagnolo è già vicino a quello dei primi test (2'00.788, che però gli valse l'undicesimo posto) nonostante la pista fosse oggi più lenta.

"Oltre ad aver segnato dei buoni tempi, nonostante la pista fosse in condizioni peggiori rispetto al primo test, sono contento soprattutto perché il mio feeling con le nuove gomme Bridgestone è migliorato tanto e adesso ho buone sensazioni mentre guido". Secondo Bautista, la squadra ha "imboccato la strada giusta: domattina continueremo a lavorare, concentrandoci anche sull’anteriore, mentre nel pomeriggio se ne avremo la possibilità vorremmo provare una prima simulazione di gara".

Meno soddisfatto Pedrosa, staccato di +0.690 dal connazionale. Unico pilota nel box HRC, il fantino di Sabadell ha parzialmente riscattato una giornata difficile solo nelle ultime ore.

"Oggi non era stata una giornata ideale per provare – ha commentato – L'asfalto era molto sporco, e praticamente non c'era aderenza. Non è stato facile trovare buone sensazioni sulla moto, e solo verso la fine del turno ho cominciato a sentirmi a mio agio".

Per Pedrosa, anche qualche inconveniente fisico.

"Anche il jet-lag non mi ha aiutato – ha aggiunto – Da giorni dormo male, quindi non mi sento al 100% fisicamente. Spero di riposare bene stanotte, perché ci aspetta del lavoro duro domani".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti