Tu sei qui

News Prodotto, Una Crossover BMW con motore S1000?

Continua la filosofia della modularità: BMW potrebbe presentarla al prossimo Salone Intermot 2014

Una Crossover BMW con motore S1000?

Il mondo delle due ruote continua ad essere in grande fermento, a correre incessantemente. Il Vecchio continente sta cercado in tutti i modi di rimettere in moto la locomotiva delle vendite, e per farlo, cerca di investire su prodotti e modelli che possano venire incontro alle esigenze di una clientela motociclistica che ha cambiato fisionomia negli ultimi 10 anni.

Finito il periodo delle supersportive, dopo il boom delle medie cilindrate dei primi anni duemila, negli ultimi tempi si è puntato forte principalmente su due-tre categorie: le naked pompate, le crossover e le moto 'tuttofare' che puntano ad abbinare utilità con consumi parchi al piacere di guida. Strade e sentieri eterogenei e differenti quindi, con case come la Honda che puntano forte su concetti quale l'NC con le sue declinazioni, mentre la BMW si è inserita nel mondo delle Supersportive e delle Naked 'da sparo' con la S1000R.

Filosofie differenti con un unico comune denominatore: il propulsore. E' indubbio infatti che i costi più esponenziali nel produrre una moto derivino dalla realizzazione di un motore nuovo. Ecco perchè una stessa unità viene declinata in varie tipologie di moto. Prendiamo ad esempio la Ducati, con il suo Testastretta II impiegato per la Multistrada 1200, prima ancora dalla 1198 e poi, con la Diavel, senza trascurare la versione da 821cc che equipaggia l'Hypermotard e l'Hyperstrada, o l'ultimissima Ducati Monster. La BMW invece ha affrontato storicamente questo stesso percorso con il motore Boxer e sta intraprendendo una nuova strada con il 1000cc quattro cilindri che equipaggia, ad oggi, sia la S1000RR da pista che la S1000R naked. Tutto qui? Non proprio, perchè dalla Germania, i nostri colleghi di Motorrad, lanciano una notizia che aprirebbe scenari importanti: proprio la BMW starebbe pensando ad un crossover quattro cilindri equipaggiato proprio con il motore della S1000RR, tracciando un primo bozzetto di un eventuale rendering.

La domanda però, sorge spontanea. Per quale motivo una casa come quella dell'Elica dovrebbe creare una crossover quando tra le sue fila ha già la regina d'Europa R 1200 GS? Che motivo avrebbe di immettere sul mercato una on-off che rischierebbe di togliere fette di mercato alla sua 'best seller'? Beh, la prima risposta risiederebbe proprio in quanto detto finora, ovvero che i costi di un motore sono elevatissimi, pari a circa il 70% del totale di progettazione e creazione di un esemplare, e sfruttarlo per tanti modelli è sicuramente la soluzione più naturale. Ottimizzare dunque è la parola d'ordine. La seconda ipotesi può essere analizzata andando a dare uno sguardo ai flussi del mercato.

Se è indubbio che una moto come la GS si trova in vetta al mondo, con il suo carattere e le sue peculiarità, è altresì vero che l'avanzata della corazzata Rossa Ducati con la Multistrada 1200 può e deve far riflettere. L'on-off di Borgo Panigale è infatti l'unica che ha realizzato delle vendite paragonabili alla R 1200 GS e, con una futura S1000F (azzardiamo il nome), con un motore caratterialmente differente rispetto al Boxer del GS, si potrebbe andare ad intaccare tale ascesa. D'altro canto, il motore c'è, ed è stato già declinato in versione Naked. Chiaramente stiamo sempre parlando di ipotesi e, fantastichiamo, si potrebbe arrivare anche ad un piccolo taglio di cilindrata, oltre ad un adattamento della potenza. Voi cosa ne pensate? Quali ipotesi suggerite? Scriveteci sulla nostra pagina Facebook!


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti