Tu sei qui

Moto3, Antonelli: sogno una battaglia tra italiani

Enea Bastianini: "un'emozione essere tra i primi con i piloti più forti al mondo"

Neanche una caduta nel turno della mattina ha fermato Niccolò Antonelli, protagonista di un high side in cui ha battuto la testa e che lo ha costretto a una visita al Medical Center. Niente di grave per fortuna e il romagnolo è potuto risalire in sella già nel pomeriggio. Anche se Miller è stato il più veloce nella giornata conclusiva, il miglior tempo assoluto è rimasto comunque in mano al pilota dello Junior Team di Gresini.

Meglio questi test a Valencia non potevano andare.

Sono andati benissimo e sinceramente non me lo aspettavo. Ad Almeria ero stato veloce, ma riconfermarsi su una pista diversa è stato emozionante”.

Qual è il tuo giudizio sulla KTM?

Il motore va quasi il doppio rispetto a quello Honda dello scorso anno, ma mi avevano detto che come ciclistica sarebbe stata più difficile da guidare. Invece mi sono trovato subito bene, non ho avuto gradi problemi”.

Hai ancora molta zavorra sulla moto?

Sono riuscito a prendere un po’ di peso nell’inverno e adesso ho solo 3 o 4 chili sulla moto. La differenza si sente”.

Cosa volete migliorare a Jerez?

Qui abbiamo lavorato soprattutto in configurazione gara e sono soddisfatto. La prossima settimana voglio continuare a mettere a posto la KTM e a migliorare anche me stesso”.

Tu, Fenati, Bagnaia, Bastianini, siete un bel gruppo di italiani tutti davanti.

E’ una cosa che mi fa molto piacere, sarebbe bello se gli italiani ritornassero competitivi. Mi piacerebbe ritrovarci a battagliare davanti tutti insieme”.

Com’è il rapporto con il tuo compagno di squadra.

Ci confrontiamo continuamente e se mi chiederà consigli sarò disponibile, ma non mi sembra ne abbia troppo bisogno vedendo come ha girato”.

Enea Bastianini e Fabrizio CecchiniPiccola scivolata all’ultima curva anche per Enea Bastianini oggi, nel secondo turno di prove a causa del forte vento che non gli ha permesso di continuare a girare per i danni alla moto. “Ma sono comunque molto contento, non mi aspettavo di andare così forte”, dice.

Com’è stato trovarti in mezzo ai piloti del mondiale?

All’inizio l’emozione l’ho sentita, ho girato con i più forti al mondo e stare nelle prime posizione è stata una soddisfazione ancora più grande”.

Come hai trovato la KTM?

E’ molto diversa da quella che ho usato lo scorso anno che era la versione standard. Ha un gran motore ma anche una ciclistica molto buona. In questi test siamo riusciti a metterla a posto molto bene, c’è ancora qualche particolare da modificare, ma siamo a buon punto col lavoro”.

Com’è il rapporto con Antonelli?

Ci conosciamo dai tempi delle minimoto e mi trovo bene con lui, parliamo spesso insieme. Anche con la squadra il rapporto è ottimo”.

Qual è il programma per i test a Jerez?

Lavoreremo ancora sul setup,  poi sarà importante fare chilometri e abbiamo anche in programma una simulazione di gara”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti