Tu sei qui

SBK: ecco la bozza del regolamento 2014

Novità tecniche e di penalizzazione, mancano le specifiche di omologazione

Ad un mese esatto dalla prima gara del campionato, la FIM ha diffuso il regolamento 2014 per la Superbike sottoforma di bozza, che dovrebbe comunque essere pressoché definitiva. Le modifiche più sostanziali, una su tutte l'introduzione della categoria EVO, erano state comunicate la scorsa estate, ma nel documento diramato emergono comunque particolari interessanti, soprattutto riguardanti le penalizzazioni.

Nei prossimi giorni dovrebbe essere diramato un documento riassuntivo dei principali cambiamenti – la carne al fuoco è molta più del solito, ed è facile perdersi nei dettagli – ma intanto cerchiamo di evidenziare alcuni cambiamenti salienti:

– Articolo 1.21.20: in caso di utilizzo di motori in aggiunta al numero pre-fissato (8 per la SBK, 6 per la EVO) la penalità è la seguente: partenza dalla pit-lane con 10 secondi di ritardo rispetto all'accensione del semaforo per entrambe le manche. Nel caso l'infrazione venisse riscontrata durante la gara, il pilota sarà costretto ad un ride-through.

– Articolo 1.22: Il tempo per il pit-stop è stato fissato a 30 secondi (senza contare il transito in pit-lane). Chiunque impieghi meno tempo sarà penalizzato con un ride-through.

– Articolo 1.27: tempi dimezzati per le procedure di ripartenza, passati da 20 a 10 minuti dall'esposizione delle bandiere rosse.

– Articolo 2.4.2.1: l'aggiunta di zavorra o air restrictor non coinvolgerà inizialmente eventuali new entry. Solo in caso di vittoria di una gara sull'asciutto nell'anno d'esordio, ad esse verranno applicati i criteri di bilanciamento "concettuale" (aggiunta di tre chili al peso minimo) a partire dalla stagione successiva.

– Articolo 2.4.7 (gomme): la fornitura passa da 22 a 24 pneumatici per pilota (10 anteriori, 14 posteriori con la possibilità di ottenerne una in più per i qualificati alla SP2) per gara. Le specifiche delle gomme possono differire tra SBK e SBK EVO.

– Articolo 3.2.1 (penalità): viene aggiunta la possibilità di penalizzare i piloti con punti sulla licenza. Arrivati a 4 si è costretti a partire dall'ultima posizione in griglia, a 7 dalla pit-lane, a 10 si è squalificati dalla gara successiva. I punti hanno validità di 365 giorni.

Mancano ancora i regolamenti della Supersport e Superstock 1000, oltre che le procedure di omologazione. Il tempo stringe, ed è quindi auspicabile che ulteriori novità vengano rivelate entro la fine del mese.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti