Tu sei qui

MotoGP, "Ducati? Per Lorenzo sarebbe una sfida"

Crutchlow: "forse un po' di verità nelle voci c'è. Se arrivasse Jorge per me non cambierebbe nulla"

Il 2014 è un anno che Cal Crutchlow ricorderà per sempre. Innanzitutto perché è convolato a nozze con la compagna Lucy, poi perché questa sarà la sua prima stagione da pilota ufficiale in MotoGP. L’inglese ha fatto solo in tempo a provare la Desmosedici a Valencia a novembre e, ancora prima dei test di Sepang, già si è incominciato a vociferare su chi potrebbe essere il suo compagno di squadra nel 2015, o il suo sostituto.

Il novello sposo ha commentato così le voce di un contatto tra Lorenzo e Borgo Panigale: “credo che forse un po’ di verità ci sia in quelle voci. Come ha detto Jorge, ogni Casa vuole parlare con lui. Naturalmente Jarvis ha negato tutto, perché vuole tenerlo. Spero che Jorge prenda la giusta decisione sulla sua destinazione”. Cal non esclude quindi la possibilità: “sarebbe una grande sfida per lui se venisse in Ducati, ma non son niente a riguardo – ha aggiunto – Sicuramente Jorge smentirà ogni cosa, vorrà parlare con Yamaha. Se arrivasse nel 2015 per me non cambierebbe nulla, porterebbe una miniera di dati e una gran velocità”.

Mettendo da parte il futuro più lontano, Crutchlow ora è impaziente per i primi test della stagione. “Ogni due giorni mi sento con Daniele Romagnoli (il suo capotecnico che lo ha seguito da Tech 3 a Ducati ndr) per essere aggiornato, ma non rivelare i programmi fa pare delle corse – ha scherzato – Sulla storia della Open non so nulla e finché non mi diranno il contrario guiderò una moto Factory”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti