Tu sei qui

MotoGP, Schwantz vs Austin: il processo a febbraio

Il motivo del contendere sono i diritti di promozione del Gran Premio texano

La data per l’udienza è stata fissata per il 10 febbraio, quel giorno Kevin Schwantz si troverà in un’aula di tribunale per la sua causa contro il CotA, il circuito di Austin. Il motivo del contendere è che secondo il campione texano, il circuito avrebbe scavalcato la sua società, la 4FourTexas, che aveva un accordo decennale con Dorna per la promozione del GP, estromettendola. I rapporti tra l’ex campione del mondo della 500 e i vertici del tracciato si sono mano a mano inaspriti, fino a portare all’allontanamento di Schwantz dalla pista in occasione dei test invernali dello scorso anno.

Ad aggiornare sulla situazione è il sito americano statesman.com, che ricorda che la causa fu depositata alla corte distrettuale di Travis County nel 2012. Circa un mese più tardi, la risposta dei vertici del CotA, che  a loro volta presentarono una domanda riconvenzionale secondo cui la società di Schwantz avrebbe travisato i propri diritti per la promozione nei confronti di CotA e Dorna  e avrebbe chiesto un compenso multimilionario oltre quello già pattuito con Dorna.

Nell’ultimo anno mozioni e richieste si sono succedute da ambo le parti e sono stati chiamati a deporre (a porte chiuse) sui fatti sia il Ceo di Dorna Carmelo Ezpeleta che il revisore statale Susan Combs. “Il Cota ha provato una controquerela e non sono sicuro che potremo mantenere il 10 febbraio come data del processo – ha spiegato Austin Tighe, l’avvocato di Schwantz – Hanno anche chiesto di respingere la causa, ma la corte lo scorso venerdì ha negato la loro richiesta”.

La questione è tutt’altro che semplice e dovrà essere la giuria a prendere la decisione finale. Per avere una visione più chiara della versione di Schwantz vi rimandiamo all’intervista (QUI) che ci aveva concesso lo scorso aprile nei giorni del GP del Texas. In quell’occasione eravamo anche venuti in possesso di alcuni documenti che dovrebbero avvalorare la sua tesi (QUI).

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti