Tu sei qui

Buell debutta in SBK con un team italiano

In sella alla bicilindrica EBR 1190RX gli americani Aaron Yates e Geoff May

In Superbike arriva un nome che gli appassionati delle due ruote conoscono bene, quello di Erik Buell. Il progettista americano farà correre una delle sue creature, la EBR 1190RX, nel Mondiale delle derivate di serie il prossimo anno con il team Hero. L’annuncio è stato reso ufficiale oggi e la squadra passerà così dal campionato AMA alla serie iridata. A guidare le bicilindriche saranno i due piloti americani Aaron Yates (40 anni, veterano dell’AMA e con otto wild card all’attivo in SBK a Laguna Seca) e Geoff May (30 anni, al debutto nel Mondiale).

Un progetto a 'stelle e strisce' ma che avrà anche un bel po’ di tricolore nelle sue vene, perché il team avrà sede in Italia e sarà guidato dal patron Claudio Quintarelli e dal team manager Giulio Bardi. La sede sarà a Verdello, nei pressi di Bergamo.

Nella EBR sono confluite più di tre decadi di esperienza nelle corse e nella progettazione – ha spiegato Buell La 1190RX adotta alcune soluzioni ingegneristiche uniche, per imparare a ottimizzarle per le corse ci vorrà un po’ di tempo. Con lo stop ai test per l’inverno, dovremo aspettare  per scoprire qul è il nostro livello attuale. Nessuno si aspetta dei podi, ma lavoreremo duramente, imparando e migliorando”.

Pawan Munjale, CEO della Hero (azienda indiana, colosso delle due ruote che ha il 49,2% della EBR) ha aggiunto: “siamo felici di questa partnership. Hero è il primo marchio indiano a entrare in Supebike e questo evento è in perfetta sincronia con il nostro obiettivo di espanderci nei mercati internazionali. Sono sicuro che ci divertiremo molto".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti