Tu sei qui

MotoGP, Indy: 140 milioni per rifarsi il trucco

Dopo la riasfaltatura della pista interna si passa al miglioramento delle infrastrutture

A Indianapolis sono in programma importanti lavori sulla mitica Brickyard. L’Indiana Motorsports Commission ha infatti approvato un piano preliminare per l’ammodernamento del circuito. Si tratta di un progetto molto importante e l’investimento totale ammonterà a 140 milioni di dollari. Alcuni lavori sono già terminati, come la riasfaltatura del tracciato interno, che verrà utilizzato a maggio dalle vetture della IndyCar Series e ad agosto dalla MotoGP. Per quelle date, gli spettatore troveranno anche nuovi maxi schermi su cui seguire la gara e una rinnovata colonna che segna le posizioni dei piloti in gara.

E’ solo l’inizio” ha detto Jeff Belskus, boss della Human & Compny, la società che gestisce il tracciato. Ed effettivamente l’elenco delle modifiche è lungo: ci saranno seggiolini più comodi e tribune rinnovate, servizi igienici più moderni, una migliore viabilità, internet wi-fi in tutto il complesso, oltre ad altre migliorie. E’ stato invece abbandonato il progetto di 20 milioni di dollari per l’illuminazione dell’ovale per le gare in notturna, ritenendo che non avrebbe dato un ritorno economico pari all’investimento.

Siamo partiti da un’idea che prevedeva un costo di centinaia di milioni di dollari, poi abbiamo provveduto a ridurre quella lista – ha spiegato Belskus – Migliorare la qualità della struttura ci farà vendere più biglietti”. Già ora l’impatto, dal punto di vista economico, dell’autodromo sullo stato dell’Indiana è tutt’altro che poca cosa: si parla di 500 milioni di dollari, mentre l’industria del motorsport dà lavoro a 6.200 persone. Un bell’esempio da seguire, anche in Europa.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti