Tu sei qui

SBK, Melandri: un passo verso il futuro

"Non sono a posto sul giro secco, ma sul passo sì". Albesiamo: "linea di sviluppo chiara"

Si è chiusa con tre giorni di test a Jerez de la Frontera la stagione 2013 del Team Aprilia Racing, Campione del Mondo tra i Costruttori nella World Superbike. Il tracciato spagnolo ha visto all'opera Marco Melandri ed il collaudatore Alex Hofmann, impegnati nello sviluppo della RSV4. Il pilota ravennate ha continuato il suo lavoro in sella alla V4 italiana, moto che lo accompagnerà alla caccia del Mondiale Superbike 2014.

I 237 giri percorsi da Marco nei tre giorni sono serviti ad aumentare il feeling della coppia tricolore, con prove sul setup e su differenti particolari tecnici prima dello stop invernale, che vieta i test dal 1 dicembre al 15 gennaio. Si è lavorato molto, specialmente per cercare di adattare la RSV4 alle caratteristiche di guida di Melandri, senza cercare il miglior tempo ma puntando ad avere un buon passo e, soprattutto, rendere affiatato il pacchetto moto-pilota.

Con un best lap di 1'40.7 ed un ritmo costantemente prossimo all'1'41, sia Marco che il team possono dichiararsi soddisfatti degli ultimi test stagionali.

“Sono molto contento di questo test, anche se non sono ancora soddisfatto al 100% di come guido la moto, dobbiamo lavorare specialmente nelle frenate prima dei tornantini - ha spiegato Marco Melandri - In questi tre giorni abbiamo capito cosa scartare per il futuro ed è cresciuta la mia intesa con la squadra, ora al completo. Siamo decisamente più veloci sul passo di gara di quanto possa lasciar intendere il tempo sul giro secco, ma sono certo che esplorando nuove strade a livello di assetto potremo migliorare ancora. A mente fredda farò il punto con i tecnici per sentire anche le loro opinioni e vedremo di preparare al meglio la stagione 2014”.

Romano Albesiano, Responsabile di Aprilia Racing, ha già la mente allo sviluppo invernale: “In questi tre giorni di prove è proseguito l’affiatamento di Marco con la RSV4 e con la squadra. Abbiamo provato diverse soluzioni di ciclistica, motore e strategie di controllo, individuando una linea di sviluppo abbastanza chiara. Il livello prestazionale in termini di passo gara è già molto soddisfacente, mentre dobbiamo lavorare sulla prestazione sul giro secco. Nella pausa invernale elaboreremo il materiale raccolto e prepareremo altre proposte per i piloti per la ripresa dei test di gennaio”.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti