Tu sei qui

Redding: MotoGP? tutto un altro mondo

Aoyama: "la RCV1000R mi sembra molto simile alla Honda che guidavo nel 2011"

Il primo giorno di test ha segnato il debutto della Honda Production Racer, l’arma della Casa di Tokyo nella Open presentata a Valencia solo qualche giorno prima. Dal Giappone sono arrivate due moto: una è stata affidata al team Gresini e a Scott Redding, la seconda ad Aspar. Il primo giorno è stato Aoyama a guidarla, mentre oggi toccherà ad Hayden. Il più rapido è stato il pilota giapponese, che si è piazzato a 1”763, mentre il britannico ha dovuto fare i conti anche coi problemi fisici, che hanno reso più difficile il suo esordio su una MotoGP.

“E’ stata per me una giornata importante e sono molto felice di aver esordito in sella alla RCV1000R del Team Gresini – ha detto Scott Redding - Rispetto alla Moto2 questa moto è completamente diversa. E’ tutta un’altra cosa e per questo motivo ho cercato di prendere confidenza piano piano. E’ stato anche bello iniziare a lavorare con una squadra altamente professionale. Insomma è stata un’esperienza positiva. Purtroppo la mia condizione fisica non è ancora perfetta ma lavorando con metodo e senza esagerare posso farcela. Nei prossimi giorni cercherò di affinare ancora di più il mio ‘rapporto’ con questo mezzo decisamente potente e di accrescere anche la sinergia con il gruppo di lavoro”.

Hiroshi AoymaPiù esperto Hiroshi Aoyama, che non ha nascosto comunque una certa emozione: “ero molto eccitato per il mio primo giorno con la nuova squadra e la nuova moto. Le sensazioni sono state subito grandiose e allo stesso tempo famigliari. La RCV1000R mi sembra molto simile alla Honda che ho guidato nel 2011. Sono molto felice di essere riuscito a iniziare questa nuova avventura, ci aspetta un lungo cammino davanti, ma questa moto ha un grande potenziale. Mi sono divertito in sella. Devo ancora ricordarmi i nomi di tutti i miei tecnici, ma mi trovo bene nella squadra”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti