Tu sei qui

Marquez: il titolo? posso perderlo solo io

"Ma per me questo è un vantaggio, sono tranquillo e in gara vedrete il solito Marc"

Il piccolo diavolo ha spalle larghe e nervi di acciaio. Se qualcuno poteva pensare alla possibilità che Marquez sentisse la pressione di giocarsi tutto all’ultima gara, le sue previsioni sono fallite. Marc ha lasciato la ribalta a Jorge solo per l’ultimo turno di prove libere, per il resto è stato semplicemente perfetto. Anche in qualifica, con la nona pole position e un tempo da record di contorno. “L’obiettivo era la prima fila, ma partire in pole è ancora meglio e molto importante - dice – Inoltre mi sento bene anche per i ritmo, sono pronto a lottare con Jorge, Dani e magari anche Valentino”.

La partenza sarà il momento cruciale della gara?

Scattare davanti a tutti è importante, anche perché non è quello il mio punto forte. Spero di fare la mia migliore partenza della stagione, sicuramente Jorge sarà rapidissimo in quel frangente e bisognerà stargli attaccato. Spero di trovare in gara la stesse sensazioni delle prove”.

Non sembri sentire la pressione, nonostante un pubblico delle grandi occasioni.

Fino a oggi ho dormito benissimo e spero succeda lo stesso anche questa notte. Ma non è il sonno il mio problema maggiore (ride). Mi piace che ci sia tanta gente, mi dà una spinta incredibile”.

Domani non avrai bisogno di vincere per diventare campione, ci proverai lo stesso?

Non so se ci proverò, dipende tutto dalle sensazioni che avrò dopo il warm up. Il mio piano è essere lo stesso Marc di sempre, voglio giocarmi la gara con Jorge e Dani. Dall’altra parte so che il campionato è più importante della vittoria di tappa. Però quando spingi sei più concentrato ed è più difficile fare errori”.

Quindi chi vincerà il GP?

Il mio podio è Lorenzo, Pedrosa e me (ride)”.

Alla fine dei conti, il titolo dipende tutto da te. Senti questo peso?

Al contrario, credo che sia un vantaggio importante. Adesso devi solo aspettare e stare tranquillo. Il mio sogno è quello di vincere sia la gara che il titolo, ma anche se perdessi entrambi non sarebbe comunque la fine del mondo, anzi sarebbe stata comunque una stagione fantastica. Se mi avessi detto dodici mesi fa che mi sarei giocato il titolo all’ultimo GP avrei firmato subito”.

Quindi pensare di perdere la gara e vincere il titolo non sarebbe troppo doloroso?

Non sarebbe assolutamente un sacrificio troppo grande. Ma se posso puntare alla vittoria, perché dovrei rinunciarci?

Sembra che la scelta della gomma posteriore questa volta sia molto incerta.

Forse per la prima volta, possiamo decidere fra le due mescole e sarà sicuramente una scelta importante. Non so ancora per quale opterò, dopo il warm up avrò le idee più chiare”.

Articoli che potrebbero interessarti