Tu sei qui

SBK, Fiorani, Honda: nuovo software ad Aragon

"Massimo Neri (ex-BMW) ha rinforzato Ten Kate. In Spagna prove comparative"

Carlo Fiorani aveva promesso rinforzi tecnici sul fronte dell'elettronica per convincere Jonathan Rea a prolungare il proprio contratto con il team Pata in Superbike. Il Responsabile Racing di Honda Europa è stato di parola, "strappando" l'ingegnere elettronico Massimo Neri a BMW per migliorare il software, vera spina nel fianco della CBR1000RR, ed i primi risultati non hanno tardato ad arrivare.

"Nei primi test fatti con Jonathan a Jerez (nel martedì successivo alla gara, ndr), Massimo ha raccolto le prime indicazioni – ha dichiarato Fiorani all'EICMA – Sono già stati individuati problemi e suggerite le prime soluzioni".

Ad Aragon, il 14 e 15 novembre, verranno portate in pista le prime evoluzioni destinate a costituire le basi per lo sviluppo nel 2014.

"Meccanicamente non ci saranno novità – ha aggiunto Fiorani – Porteremo invece un nuovo software per effettuare prove comparative e decidere se cambiare o no quello attualmente in uso, che ci viene fornito da HRC anche se privo di strategie utilizzabili vista la differenza tra una MotoGP ed una SBK".

La gestione tecnica del team Honda è affidata da tempo a Ten Kate, equipe olandese di indubbia esperienza tra le derivate di serie, e l'arrivo in squadra di Neri, sostiene Fiorani, potrebbe rappresentare la quadratura del cerchio.

"In Ten Kate ci sono preparatori di motori fenomenali. Anche Neri è rimasto sorpreso dalla potenza indicata dalle prove al banco. Tuttavia, in squadra non c'erano esperti di ricerca e sviluppo con sistemi elettronici. È stato un errore nostro non valutare che lo sviluppo in questo momento non può partire da zero con conoscenze tradizionali".

Da qui, l'idea di rinforzare la squadra per recuperare il gap dalla concorrenza.

"Neri conosce perfettamente le regole del gioco dal punto di vista dell'elettronica perché dal 1999, anno in cui i software hanno cominciato a comparire sulle moto, ha lavorato nel settore di ricerca e sviluppo con Aprilia, Suzuki e BMW. Solo tecnici che hanno operato all'interno di reparti R&D di grandi costruttori possiedono le competenze necessarie dei vari parametri e codici, e possono applicarle su qualsiasi moto".

Un nuovo corso è cominciato. Tra un settimana, le prime risposte del cronometro.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti