Tu sei qui

News Prodotto, Kawasaki Z1000 : filosofia Sugomi

Ad Eicma svelata la tanto chiacchierata Z1000.

Chiacchierata, attesa e spiata. La Kawasaki ha finalmente presentato la nuova Z1000 2014, la nuda Millona che si rinnova fortemente a livello di design e stile, non disdegnando un miglioramento tecnico generalizzato. Una delle punte di diamante da parte di Akashi questa Z1000 2014, concettualmente ad un segmento di mercato in cui, la verdona, ha sempre tracciato la linea tra le giapponesi, implementando sempre più uno stile aggressivo e appuntito. Ecco quindi l'ultima versione, una moto spigolosa, cattiva, che evolve la sua anima, ma non la rivoluziona, sopratutto a livello tecnico, dove non si è voluto puntare all'acme di Naked più potente, quanto piuttosto ad un concetto di "sensazioni alla guida", di feeling, di armonia con il pilota in sella. Non a caso si è lavorato anche sulla distribuzione dei pesi.

Partiamo quindi dalla tecnica, considerando i pochi dati a disposizione e l'ipotesi secondo cui questa Z dovrebbe montare lo stesso propulsore della sorella sport tourer SX, si presume che questa nuova Naked debba aver ricevuto un incremento prestazionale di +4 cavalli e di 1 Nm. Bisogna ancora capire però se la sinergia tra le due moto sarà anche a livello di elettronica.

Ciò che colpisce di più è comunque questo nuovo design che si basa su di un ideogramma, chiamato "Sugomi". L'idea che si è voluto dare è quella di un animale, un predatore in attesa di cacciare la propria preda. Questo è lo stile della Z1000 2014, espresso anche da Keishi Fukumoto, Responsabile Design di Akashi: "Kawasaki ha avuto un ruolo di primaria importanza nel segmento delle Supernaked da tantissimi anni, tanto che moto come la Z750 sono stati dei ‘best-sellers’ in Europa.

Siamo perciò convinti che, con il suo approccio progettuale ‘Sugomi’, l’ultima Z1000 stuzzicherà le attenzioni del sempre crescente numero di motociclisti che sentono una certa affinità con questo tipo di moto. Una moto questa Z1000 2014 che potrà fungere anche da punto di riferimento ‘visivo’ per la categoria, rispecchiando ciò che rende il marchio Kawasaki così diverso e attraente”.

GALLERY Z1000 2014

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti