Tu sei qui

SBK, Giugliano: addio Althea, verso Ducati

La Casa emiliana in SBK con team interno ufficiale, porte aperte al romano

Tempo di grandi manovre in Ducati. Oltre all'arrivo di Gigi Dall'Igna e la partenza di Vittoriano Guareschi, è arrivata la separazione tra Casa ed il team Alstare in SBK. Inizialmente circolavano voci di una nuova partnership con Feel Racing, struttura tecnica basata nel bolognese con la quale Ducati ha già collaborato e vinto in passato, ma sembra che a Borgo Panigale abbiano deciso di fare tutto da soli, tornando con una struttura interna ed ufficiale in SBK.

Ulteriori aggiornamenti verranno probabilmente dati nei prossimi giorni, ma la voce trapelata apre di fatto le porte a Davide Giugliano, già contattato dalla Casa italiana (oltre che da Suzuki) con offerte che lo potrebbero portare un domani al motomondiale. Il romano affiancherà, con ogni probabilità, Chaz Davies sulla Panigale ufficiali, anche se esiste anche una opzione MotoGP con la Pramac.

Resta invece da sciogliere il nodo di Althea, che non ha ancora reso noti i piani per il prossimo anno, ma pare orientata verso la partecipazione alla categoria EVO per porre già le basi in vista del 2015.

La nota diffusa dall'equipe di Civita Castellana: "Di solito la separazione tra un pilota in crescita e la squadra che lo ha  lanciato è causata da incomprensioni o malcontento – ha dichiarato il team manager Genesio Bevilacqua – In questo caso invece posso dire che ancora una volta c’è una perfetta intesa con Davide, con il quale abbiamo deciso in piena armonia di separare le nostre strade per dare a lui una nuova possibilità di crescita ed al team Althea di proseguire con i propri programmi. Voglio ringraziare Davide per il grande impegno profuso in questi  tre bellissimi anni, nei quali abbiamo lavorato insieme e raccolto grandi risultati e soddisfazioni. A  lui va il mio migliore augurio, affinché possa raggiungere in un prossimo futuro risultati prestigiosi. Mi resta il grande ricordo di un percorso affrontato insieme e la soddisfazione di aver lanciato ai vertici del motociclismo mondiale un giovane pilota italiano".

"Sono stati tre anni fantastici e decisivi per la mia carriera di pilota. – ha aggiunto GiuglianoSono cresciuto molto ed ho imparato tantissimo grazie a Genesio Bevilacqua, che ha deciso di credere e di puntare su un pilota giovane, dandomi la possibilità di esprimere il mio potenziale. Lo ringrazio anche per avermi dato questa ulteriore opportunità di sfruttare un’occasione che spero possa essere importante per il mio futuro. Il mio ringraziamento va anche ai ragazzi del team Althea con i quali ho trascorso momenti bellissimi e che mi hanno aiutato a raggiungere grandi risultati. Risultati che sono stati possibili anche grazie all’aiuto degli sponsor e di tutti quelli che mi hanno aiutato in questo periodo e che io ricorderò sempre con affetto".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti