Tu sei qui

MotoGP, Motegi: Bradl sorprende, Marquez cade

FP: Jorge Lorenzo chiude quarto tra le Honda. Ottavo tempo per Rossi

Per poter vedere la prima sessione asciutta del Gran Premio del Giappone, qui, sul circuito di Motegi, abbiamo dovuto attendere la domenica mattina. Il poco tempo a disposizione di team e piloti, unitamente alle caratteristiche intrinseche del circuito, hanno creato una situazione di livellamento prestazionale, mostrando quindi una classifica con distacchi altamente contenuti. Il risultato è quello di avere ben nove piloti all'interno di un intervallo di sette decimi di secondo.

In cima alla classifica dei tempi cronometrati svetta, in un finale in cui si sono accesi numerosi caschi rossi, la Honda di Stefan Bradl, che chiude la sessione cronometrata in 1'46.440. Il tedesco, reduce da un infortunio, ha staccato di appena 19 millesimi la prima Honda ufficiale del team Repsol, condotta da Daniel Pedrosa.

Terza posizione per Marc Marquez che accusa un ritardo di 123 millesimi di secondo dal tedesco. La notizia di questa sessione però, riguarda proprio il leader in classifica generale, autore di un volo molto spettacolare ad alta velocità quando mancavano circa 20 minuti al termine, in ingresso al curvone una volta usciti dal tunnel. Il giovane spagnolo ha perso l'anteriore della propria moto, volando e carambolando sulla via di fuga. Fortunatamente per lui, la caduta si è risolta solo con un gran ruzzolone, uno di quelli che mozzano il fiato, lasciando il pilota "stordito" per qualche secondo, ma nulla più. Marc infatti, una volta salito in sella ad una moto dei marshall, è stato riaccompagnato ai box, dove ha continuato la sessione con la seconda moto.

Tornando alla classifica di questa sessione di prove libere, quarta piazza per Jorge Lorenzo (+0.140), prima Yamaha in un Poker di Honda nelle prime cinque posizioni. Il maiorchino infatti, in un circuito in cui le Honda sembrerebbero favorite dalla maggior stabilità in frenata, precede la RC213V di Alvaro Bautista, che accusa un ritardo di 195 millesimi. Sesta posizione per Cal Crutchlow, che ha avuto l'occasione di portarsi in testa a fine sessione, vanificando un casco rosso al penultimo settore. Tutto sommato buona però la sessione del futuro pilota Ducati, a precedere proprio il suo prossimo compagno di squadra Andrea Dovizioso, settimo a 473 millesimi di secondo. Ottava posizione invece per Valentino Rossi, staccato di 662 millesimi di secondo, davanti ad Hayden e Smith, che chiudono la top ten.

Update: passaggio in clinica mobile per Marquez dopo la caduta: per lui comunque solo contusioni ed una botta al collo.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti