Tu sei qui

MotoGP, Dovizioso: Bridgestone? contratto da migliorare

Hayden: "penso la gente si sia divertita". Iannone: "finalmente il risultato che aspettavo"

A Phillip Island la ormai ‘celebre’ Coppa Ducati ha visto svettare Nicky Hayden, con Iannone davanti all’ufficiale Dovizioso, tutti rigorosamente in fila dal 7° al 9° posto. “E’ stata una gara strana – commenta il Dovianche più di quanto mi aspettassi. La pista era molto veloce e ho fatto una bella battaglia con Nicky, ma lui è stato più bravo a sfruttare le gomme nuove e non sono riuscito a seguirlo”. Le incognite del flag-to-flag non sono state facili da gestire. “Pneumatici e freni freddi sono stati un aspetto delicato – continua il forlivese – Ma soprattutto, per quanto mi riguarda, è stata la seconda gomma che ha avuto un calo maggiore di quanto mi aspettassi”.

Quello del comportamento anomalo di alcune gomme è stato un aspetto che a volte viene a galla. “Capita – conferma il Dovi – ma non è un problema di qualità degli pneumatici, da questo punto di vista siamo in una buona situazione. Poi ci sta che non tutti siano perfetti”. Quello successo in questo GP servirà comunque da lezione e Andrea, da sempre impegnato nella sicurezza, promette che se ne parlerà in Safety Commision. “Anzi questa sorta di test in gara ci sarà molto utile per discuterne. Abbiamo potuto capire molti dettagli che di solito sfuggono – conclude- Quando Dorna rinnoverà il contratto con Bridgestone dovrà spingere per migliorare alcuni aspetti”.

Più allegro il suo compagno di squadra Hayden. “Penso che gli spettatori abbiano assistito a una gara spettacolare e interessante – dice – Poi a me questo cambio ha avvantaggiato, con la squadra abbiamo fatto una buona strategia che ha giocato a mio favore”. Poi scherza sulla pioggia all’ultimo giro, “non era successe ancora abbastanza cose”.

Anche Andrea Iannone è soddisfatto della sua gara, “la migliore della stagione – la definisce – Era da qualche GP che ero in grado di fare un risultato del genere, ma per un motivo o per l’altro non ci sono mai riuscito”. Oggi è filato tutto liscio, “abbiamo migliorato la moto turno dopo turno, è stato un bel lavoro di squadra” spiega.

Il cambio moto però non l’ha avvantaggiato. “Al contrario – sottolinea – ho perso troppo terreno da Nicky, in una gara normale avrei potuto giocarmela con lui. Non solo, mi ha sorpassato anche Dovizioso, ma avevo un buon passo e ho spinto. Sono riuscito a riprenderlo, sapevo di potercela fare”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti