Tu sei qui

SBK, Sykes: Pressione? No, sono rilassato

"Meglio avere 37 punti di vantaggio che 30.5 in meno, ma non faccio calcoli"

Rispetto a dodici mesi fa, il destino di Tom Sykes è cambiato diametralmente. Con 30.5 punti da recuperare alla vigilia dell'ultimo GP  del 2012, il britannico ne ha 37 da difendere a Jerez questo fine settimana. Da inseguitore a lepre, tuttavia, l'approccio del britannico su Kawasaki appare invariato.

"Dopo i test invernali, tutto è pronto per tornare in pista a Jerez – ha detto Sykes, a cui basterebbe un terzo posto in Gara 1 per assicurarsi il titoloLa gente parla già di possibili combinazioni di risultati, di punti che dovrei ottenere, eccetera. Ma devo solo rimboccarmi le maniche e lavorare sulla moto mantenendo la massima concentrazione. I nostri avversari non concederanno nulla, ma sono rilassato".

In caso di vittoria, Sykes consegnerebbe alla casa di Akashi il primo titolo dal 1993 (Scott Russell). Per lui, poi, si tratterebbe di una favola a lieto fine dopo il boccone amaro assaggiato lo scorso anno, quando mancò il titolo per solo mezzo punto nonostante un terzo posto ed una vittoria.

"Lo scorso anno avevo 30.5 punti da recuperare, oggi siamo in una posizione nettamente migliore, è l'unico modo di vedere la cosa. Non vedo l'ora di incominciare e spero di godermi il fine settimana, specialmente se tutto sarà andato per il verso giusto domenica pomeriggio".

A prescindere dal risultato, la crescita parallela della ZX-10R e di Sykes rimane innegabile. Le vittorie sono più che raddoppiate rispetto allo scorso anno (nove contro quattro), segno evidente che il lavoro sull'usura degli pneumatici sulla distanza di gara ha dato i suoi frutti. Sykes è passato da re della qualifica a imperatore del campionato. O quasi. Manca un ultimo gioiello per la corona.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti