Tu sei qui

MotoGP: il peso della vittoria

Con un litro in meno nel 2014, continua la diatriba sul peso minimo moto/pilota

Nello sport in generale, il peso di un atleta ha sempre costituito una variabile rilevante al fine delle prestazioni. Tanto più nel caso delle corse, dove leggerezza è sinonimo di velocità. Basti ricordare come, all'epoca dei grandi specialisti, i re della 125 abbiano fatto del fisico da fantino una condizione necessaria (ma non sufficiente) per vincere. Da allora, peso e altezza media dei piloti sono progressivamente diminuiti, ma le discussioni continuano a tenere banco.

Recentemente, Jeremy Burgess ha riportato in auge la questione con una semplice dichiarazione sulle righe di Speed Week: "È ovvio che serve un quantitativo di energia direttamente proporzionale alla massa per accelerare, e lo stesso vale per la frenata".

Per fare qualche esempio, Dani Pedrosa pesa 51 kg (160 cm di altezza), Marc Marquez 59 (168 cm), Jorge Lorenzo 65 (172 cm) e Valentino Rossi 67 (182 cm).

In Moto3 (148 kg) e Moto2 (215 kg) è stato introdotto a livello regolamentare un peso minimo di moto e pilota insieme. In MotoGP non è così, con il limite fissato a 160 kg solo per la moto. Qualora venisse introdotto un nuovo valore che tenesse in considerazione anche pilota e tuta, i più leggeri potrebbero dover utilizzare della zavorra (come succede, ad esempio, a Niccolò Antonelli in Moto3), rimescolando i valori in campo.

Si tratta di una questione annosa, apparentemente priva di una soluzione in grado di accontentare tutte le parti coinvolte. Dal prossimo anno, tuttavia, con un litro in meno di benzina a disposizione, le sorti dei piloti più pesanti sembrano destinate a peggiorare. Già ora, per loro stessa ammissione, Rossi e Cal Crutchlow sono costretti a togliere potenza per non rimanere a secco prima della bandiera a scacchi. Un problema che (non solo grazie alla leggerezza dei suoi piloti), Honda non ha.

Le discussioni continuano, ma c'è già chi ne fa le spese. Sembra infatti che Nico Hulkenberg, pilota F1 della Sauber considerato da molti uno dei giovani più promettenti, abbia ricevuto un "no" da Mercedes per il prossimo anno sulle basi del suo peso, 74 kg, troppi per una macchina da 642 kg al massimo. Secondo Mark Webber, una decina di chili in più può tradursi in due decimi al giro di svantaggio.

Voi che ne pensate? Scriveteci QUI!
Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti