Tu sei qui

Crutchlow: Marc colpevole...di velocità

"Più che per la condotta, dà fastidio per età e rendimento. La mia M1 un po' lenta"

Al termine della prima giornata di prove della MotoGP a Sepang, Cal Crutchlow accusa 0.869 di ritardo ma si consola con la prima fila provvisoria ed il primato su Yamaha.

"Al mattino ho faticato a guidare al massimo a causa del dolore al braccio destro – ha dichiarato il britannico del team Tech3 – So già di aver bisogno di un'operazione, ma fin qui il gonfiore non mi ha mai dato problemi. Fortunatamente al pomeriggio andava meglio, e all'ultima uscita mi sono portato nella Top 3. È stato relativamente facile con la gomma nuova, perché durante quasi tutta la FP2 ho lavorato sull'assetto con gomme usate fin dal mattino".

Crutchlow ha le idee chiare su dove migliorare.

"Perdiamo tre decimi dalle moto ufficiali in due rettilinei. Quella di Bradley è più veloce alla fine del tratto dritto, ma lui frena prima di me. L'ultimo settore di Dani è incredibile, con il suo peso guadagna molto, ma anche negli altri tratti sta facendo la differenza. È partito arrabbiato, sta guidando davvero molto bene".

Riguardo alle polemiche relative al contatto tra Pedrosa e Marquez ad Aragon, il futuro ducatista ha osservato che: "Dani è caduto, non per colpa, in una gara dove avrebbe potuto vincere. Nessuno ha torto. Marc guida al limite, ma non cambierà mai. È la sua velocità a dar fastidio ad alcuni piloti, più che la sua condotta. Mi dispiace per Dani, è stato davvero sfortunato. Ciascun pilota la pensa a modo suo, va bene così".

Un'ultima battuta sull'ingaggio di Gigi Dall'Igna.

"Ottima notizia. Ho parlato anche con Daniele Romagnoli (il suo ingegnere di pista, ndr), e siamo ottimisti. Con Dall'Igna non so ancora quando parlerò, ma tanto è Dovi che sa cosa dirgli. Non mi aspetto miracoli ad inizio anno, ma sul finale credo che potremo essere nuovamente competitivi".

Articoli che potrebbero interessarti