Tu sei qui

SBK, Giugliano guida la riscossa azzurra

Il romano è terzo davanti a Laverty. Fabrizio e Badovini chiudono la 2ª fila

Dopo alcune gare a corrente alternata, Davide Giugliano sta vivendo un ottimo momento di forma. La velocità del 23enne romano in forze al team Althea non è mai stata in discussione, e con la serenità e concentrazione giusta sta creando non pochi grattacapi ai piloti ufficiali. Terzo in Superpole (+ 1.341), Giugliano comanda la pattuglia azzurra con tre italiani nelle prime sei posizioni in griglia.

"Fin qui tutto bene, è stata una giornata in crescendo grazie all'ottimo lavoro di tutta la squadra – ha detto il pilota su Aprilia – A parte tutto mi sento in forma, è un momento positivo. Le condizioni restano difficili, ma la cosa positiva è che siamo abbastanza veloci in tutti i turni".

Il meteo bizzoso ha rallentato il programma di diversi piloti, ed i pronostici per le gare di domani restano incerti.

"L'unica incognita è il passo di gara, perché le condizioni meteo non ci hanno permesso di verificarlo – ha aggiunto Giugliano Venerdì pomeriggio ho fatto un'uscita con una gomma da 20 giri girando con tempi abbastanza buoni, domani cercherò la conferma nel WUP. L'obiettivo rimane sempre quello di lottare al vertice, facendo bene gara dopo gara, e poi penserò al futuro".

Seconda fila insperata per Michel Fabrizio, quinto sulla Honda del team Pata.

"Non avevo molta fiducia, non sapendo quanto si potesse spingere sulla pista umida – ha detto il romano – Non avevo buone sensazioni, ma all'ultimo giro ho provato a forzare, ottenendo la seconda fila. Se domani sarà asciutto, penso di potermela giocare con Giugliano e Laverty".

Alle spalle di Fabrizio si è piazzato Ayrton Badovini, come al solito competitivo in condizioni di aderenza precaria.

"E’ stata una Superpole difficile – ha però detto il pilota Ducati Nella prima fase la pista era molto bagnata e quindi la situazione era piuttosto complicata. Nella seconda era più asciutta ma non sono riuscito a trovare il giusto feeling nel poco tempo disponibile. Non è male come posizione di partenza ma, senza aver avuto sessioni asciutte, non posso fare previsioni per quanto riguarda le gare di domani".


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti