Tu sei qui

Moto3, Aragon: Alex Rins come da copione

GARA: Bel duello con Vinales, secondo. Salom quarto, Fenati ottavo

Se ieri aveva mostrato tutta la sua forza e la sua potenza, stampando un riferimento cronometrico di valore assoluto nei confronti della concorrenza, oggi Alex Rins ha mostrato una sua ulteriore qualità, quella dell'intelligenza tattica.

Dopo il warm up del mattino, in cui avevamo raccontato della zampata di Maverick Vinales, Rins deve aver evidentemente capito che la tattica del suo avversario di giornata sarebbe stata chiara. Così è stato. Vinales ha provato il "colpo gobbo", mettendosi in prima posizione, e cercando di dettare sempre il ritmo, evitando una eventuale fuga da parte di Rins. Così,il portacolori del team Estrella Galicia ha deciso di attendere, di essere paziente, tentare ogni tanto un attacco, per poi passare Vinales di forza all'inizio dell'ultimo giro, e sfruttare le gomme meglio gestite.

Già, perchè lo stesso Vinales ha mostrato la sua solita forza e velocità, così come la solita tattica di provare a dettare il ritmo. Sembrava quindi un copione già scritto: il secondo che si tiene dietro, riposa le gomme e sfrutta l'occasione finale. Su questa considerazione però, non si può fare a meno di sottolinere come Vinales, negli ultimi due-tre giri, non aveva più la terza marcia, come dichiarato dallo stesso pilota in parco chiuso. Eloquente il gesto di piccola stizza dello spagnolo nell'ultimo rettilineo prima dei box, ultimo punto per tentare un attacco, quando evidentemente il terzo rapporto è saltato, lasciando Rins libero di allungare.

"Non è stata una gara facile. Era difficile superare Vinales che oggi era velocissimo in curva. All'ultimo giro però dovevo rischiare qualcosa e provare a passarlo." Ha detto poi in parco chiuso il vincitore.

Terza posizione per Alex Marquez, per lunghi tratti in scia del duo di testa, poi staccatosi progressivamente per un calo delle gomme: "Alla staccata perdevo troppo tempo. Abbiamo avuto problemi con il feeling all'anteriore. Ma va bene cosi. Dobbiamo migliorare per le prossime gare".

Buona quarta posizione per Luis Salom, in un fine settimana veramente difficile per il leader del campionato mondiale. Il portacolori KTM Ajo ha stretto i denti per il suo infortunio di lungo corso (ma oramai in via di guarigione), battendo in volata un convincente Oliveira con la Mahindra. Sesta posizione per Oettl, dopo che nei primissimi giri era riuscito a tenere la scia del trio di testa. Dietro il portacolori Tec Interwetten e uno stoico Jonas Folger, si era formato un gruppo compatto in cui ha prevalso il nostro Romano Fenati, ottavo sul traguardo dopo una bella rimonta, davanti a Sissis, Vazquez, Masbou e Binder.

"Siamo partiti un pò più avanti e questo ci ha portato a fare una bella gara. La moto era a posto e la squadra ha fatto un bel lavoro." ha spiegato Fenati "Ho fatto fatica a passare le KTM che nel dritto andavano molto di più di noi. Il nostro passo in avanti prestazionale? Riusciamo a trovare prima il setting ideale per la moto, quindi ho più feeling."

Gli altri italiani: Niccolò Antonelli 14esimo, Francesco Bagnaia 17esimo, Lorenzo Baldassarri 26esimo, 27esimo Alessandro Tonucci, caduto invece Matteo Ferrari.

 

CRONACA DI GARA

Tutto pronto per il via della gara della Moto3.

Partenza valida. Scattato bene Rins, meno bene Vinales sopravanzato da Marquez. Lungo invece per Miller.

- 20 giri al termine: Vinales prova subito a sopravanzare Marquez. Ha un ritmo migliore e deve provare a non far scappare Rins. Caduta per Maria Herrera

- 19 giri al termine: dopo un solo giro vi è già uno strappo: i primi quattro sono Rins, Marquez, Vinales e Oettl. Salom, che è quinto è staccato già di 1.8 secondi. Vinales passa Marquez e aggancia nel lungo rettilineo Rins

-18 giri al termine: sul rettilineo dei box Vinales fa segnare il giro più veloce della gara, e prova a superare senza successo Rins. Sul rettilineo che precede il traguardo i protagonisti si aprono a ventaglio: primo Vinales, secondo Rins, terzo Marquez. Giro più veloce per Oettl, in 1'59.681

-17 giri al termine: caduta per Kornfeil alla prima curva dopo il traguardo. Ritiro per il pilota ceco. Nel frattempo Salom perde terreno, e viene raggiunto anche da Folger. Tra i due infortunati è lotta per il sesto posto.

- 16 giri al termine: da segnalare gli italiani: Fenati è 12esimo, Antonelli 13esimo. E' lotta aperta tra Sissis e lo stesso Fenati.

- 15 giri al termine: con questa situazione di classifica, Vinales primo e Salom sesto, il distacco in campionato si ridurrebbe a 4 punti. Rins però cambia le carte in tavola e si riporta in prima posizione

Vinales vuole però riprendersi prima posizione. Nel rettilineo precedente al traguardo ripassa Rins. Marquez però si tiene in terza posizione, pronto ad approfittarne.

- 13 giri al termine: la tattica di Vinales è acclarata: rimanere in testa per non far scappare Rins. Oettl oramai ha perso contatto, trovandosi a +1.738 dalla testa. In quinta piazza la Mahindra di Oliveira. Fenati intanto, è riuscito a risalire fino in decima posizione

-12 giri al termine: caduta per Toni Finsterbuch. Il trio in testa rimane comunque compatto, mentre dietro, è lotta aperta per l'ottava posizione comprendenti Vazquez, Fenati, Masbou, Khairuddin, Sissis e Antonelli

-10 giri al termine: alla prima staccata Rins passa Vinales. Marquez rimane guardingo in terza posizione. Vinales mostra comunque una frenata eccellente. Marquez sul rettilineo prima del traguardo gli prende la scia ma non risce a passarlo in frenata

- 9 giri al termine: Prima staccata dopo il traguardo e Vinales torna in testa. Dietro, Oettl continua a perdere e rischia di essere preso da Oliveira. Fenati intanto continua la sua rimonta: lotta aperta con Vazquez per l'ottava posizione

- 8 giri al termine: Oettl oramai è stato ripreso da Luis Salom e Miguel Oliveira. Folger sta perdendo sempre più terreno, forse stanco per la frattura alla caviglia di Misano

- 7 giri al termine: caduta per Matteo Ferrari. Al momento in classifica generale, il distacco tra Vinales e Salom sarebbe di 7 punti

- 6 giri al termine: Marquez ormai sembra aver perso terreno in maniera irreversibile: 1.1 secondi dal duo Vinales-Rins che si giocheranno la vittoria. Salom intanto è in piena lotta per la quarta posizione. Fenati è ottavo, ma Folger è lontano otto secondi

- 5 giri al termine: brutta botta tra Khairuddin e Vazquez. Ad avere la peggio, il malese pilota KTM, fuori dalla gara.

- 4 giri al termine: Fenati ha dimezzato il suo distacco in 3 giri. L'italiano potrebbe arrivare a prenderlo e chiedere settimo, considerando la situazione di Folger dal punto di vista clinico.

- 3 giri al termine: Vinales prova  a mettere un paio di decimi tra lui e Rins per evitare di offrire la scia. Tentativo non riuscito

- 2 giri al termine: lungo di Oettl all'ultima staccata, che perde quindi tempo e terreno nei confronti di Oliveira e Salom

- ultimo giro: Rins alla prima staccata entra e passa Vinales. Dietro Oliveira passa Salom allo stesso punto. Rins prova a fare l'andatura, i due sono letteralmente attaccati. Vinales prova un sorpasso impossibile e deve accodarsi. Rins ha poco più di un decimo e sembra averne di più. L'ultima occasione è al termine del rettilineo, ma all'uscita probabilmente perde una marcia e perde lo spunto nell'allungo finale consegnando di fatto a Rins la vittoria. Secondo Vinales, terzo Alez Marquez, quarto Luis Salom davanti ad Oliveira. Sesto Oettl, settimo Folger, ottavo Fenati, nono Sissis, decimo Vazquez




Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti