Tu sei qui

Moto3, Aragon: primo Vinales, ma è Isaac

FP3: Miglior italiano Niccolò Antonelli in sesta posizione

E' piovuto, e tanto, nella notte di Aragon in una zona desertica, dove oltreututto le uscursioni termiche sono un fattore da considerare in questo fine settimana in terra spagnola. Così il terzo turno di prove libere della Moto3 ha vissuto principalmente sull'attesa dei protagonisti nello scendere in pista. Troppo rischioso dover far fronte alle conseguenze di una caduta, sopratutto andando a girare in condizioni tecnicamente inutili ai fini di un assetto da migliorare ed affinare.

Per questo molti protagonisti hanno preferito rimanere per lunghi tratti della sessione ai box, dando libero spazioanche ad ulteriori protagonisti.

Sotto la bandiera a scacchi il migliore della sessione è stato Isaac Vinales, portacolori del team Ongetta, che proprio a turno finito è riuscito a portarsi in vetta con il tempo di 2'10.649. Il solito "dominio spagnolo" è stato messo a dura prova da John McPhee, portacolori scozzese del team Caretta Technology, che per lunghi tratti si è trovato in cima ai tempi.

210 millesimi di secondo il distacco dalla vetta. E' una notizia inoltre, vedere come alle prime due posizioni ci siano due FTR Honda e non una KTM. La casa austriaca torna preponderante dalla terza alla quinta posizione, con i soliti protagonisti di questa stagione, ovvero Alex Marquez (+0.363), Maverick Vinales (+0.723) e Alex Rins (+0.828). Manca all'appello, in questo gruppo, invece Luis Salom. Il leader in classifica generale, complice anche il suo ben conosciuto quadro clinico, ha preferito non rischiare, chiudendo sostanzialmente ultimo, con un tempo di 2'17.817 (+7.268). Peggio del leader in campionato solo Ana Carrasco che ha solo assaggiato le condizioni della pista con un giro molto lento (+14.412) per poi rientrare ai box. Bryan Schouten Jasper Iwema e Jonas Folger invece non sono proprio usciti dal loro box.

Tornando a scorrere la classifica, fa ben sperare la sesta piazza di Niccolò Antonelli, riuscito anche a conquistare la prima posizione per diversi minuti. Il giovane portacolori del team Gresini, ha girato costantemente per migliorare anche il feeling in queste precarie condizioni dell'asfalto, chiudendo con un ritardo di +0.881. Dietro l'Italiano ecco Nicklas Ajo (+1.189), Philipp Oettl (+1.221), Brad Binder con la Mahindra a +1.590 e Arthur Sissis che chiude in decima posizione a +1.626.

Gli altri italiani: Lorenzo Baldassarri è 13esimo, Matteo Ferrari 15esimo, Romano Fenati 16esimo, Alessandro Tonucci 23esimo subito dietro l'esordiente Maria Herrera; chiude in 28esima posizione Francesco Bagnaia.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti