Tu sei qui

Moto3, FP1: Maria Herrera, debutto in top ten

Sorprende la spagnola e Ana Carrasco è 14°. Buon quarto Fenati in Moto3, Corsi è 5° in Moto2

Le donne non sono per nulla il sesso debole, per lo meno, non in Moto3. Maria Herrera ieri ha detto di pensare solo a fare esperienza in questa sua gara di debutto nel Mondiale, ma il cronometro la pensa diversamente. La spagnola, dopo un avvio prudente, ha incominciato a scalare la classifica nel primo turno di libere ad Aragon e non si è fermata finché non ha raggiunto la top ten.

Il suo tempo è stato di 2’02”242, meno di due secondi da Vinales, e i margini di miglioramento sono ancora alti. Quella che alla vigilia sembrava solo una curiosità, incomincia a essere una realtà. Maria si è messa alle spalle piloti ben più esperti di lei e, probabilmente, è stata anche uno stimolo per Ana Carrasco, mai così incisiva come questa mattina che ha chiuso col 14° tempo, a due decimi dalla connazionale.

La prestazione di Herrera stupisce e non c’entra solo il sesso, perché per una wild card non è mai facile prendere subito il ritmo del Mondiale. Invece lei ce l’ha fatta e questo è solo l’inizio.

MOTO3, FENATI IN SCIA ALLE KTM – Si rivede (finalmente) un po’ di Italia ad Aragon, con Romano Fenati che ha iniziato con il piede giusto il fine settimana. Se le prime tre posizioni sono state appannaggio degli spagnoli, con Maverick Vinales il più veloce (2’00”513) davanti a Luis Salom (2’00”930) ed Efren Vazquez (2’01”173), il pilota del Team Italia non è troppo distante.

E’ la sua la prima FTR-Honda, con Romano che ha fermato il cronometro in 2’01”360. Tempi già molto bassi, se si considera che il record del circuito è già stato abbondantemente abbattuto.  Altra sorpresa è quella di Maria Herrera, subito velocissima, tanto da fare segnare il 10° tempo, a meno di 2” dal più veloce. Anche Ana Carrasco è galvanizzata e ha piazzato il 14° tempo.

Non bene i nostri portacolori: Antonelli è 19°, Baldassarri 24°, Tonucci 29°, Ferrari 33° e Bagnaia 35° e ultimo.

MOTO2, SVETTA TEROL, BENE CORSI - Anche la Moto2 parla spagnolo nel primo turno di libere, con Nico Terol e Tito Rabat scatenati sulla pista di Aragon. Ad avere la meglio è stato il pilota del Team Aspar, che è stato più veloce di 0”144 rispetto al rivale. Il cronometro si è fermato sul tempo di 1’54”627, un decimo e mezzo meglio di Mika Kallio, 3°, che ha appena rinnovato il contratto con Marc VDS anche per la prossima stagione.

Alle loro spalle Jordi Torres, che ha strappato all’ultimo la quarta piazza al nostro Simone Corsi (0”362 il suo ritardo). Quinro posto per Nakagami davanti a Luthi. Distanti dalla lotta per la prima posizione i sue rivali per il titolo Espargaro e Redding. Pol è 8°, mentre Scott decimo, anche se il loro ritardo dai migliori è comunque contenuto.

Buon piazzamento anche per Alex De Angelis, 11°, mentre Mattia Pasini è stato autore di una caduta e si è fermato al 18° posto.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti