Tu sei qui

MotoGP, Came: nel 2014 potremmo non esserci

Nessun piano ancora deciso, sia per la sponsorizzazione di team che di Dorna

Lo sponsor Came, partner di Dorna e del team Iodaracing, è stato spesso presente nei movimenti di mercato in vista della prossima stagione. Molte squadre hanno avuto contatti con l’azienda veneta che è stata il tassello fondamentale nella trattativa (ormai sfumata) tra Hayden e LCR. Anche il team Forward e quello ufficiale Yamaha sono nell’elenco dei colloqui, “la lista in verità è molto più lunga, ma non stiamo a specificarla - chiosa Andrea Rossi, responsabile marketing di Came – Ma non è corretto, come è stato detto, che ci siamo rivolti a Dorna per avere dei contatti. Siamo da abbastanza anni in questo mondo per non averne bisogno”.

E’ il manager a volere specificare quale si la situazione attuale per la prossima stagione: “non abbiamo ancora deciso niente, neppure se continueremo il nostro impegno in MotoGP nel 2014”. Le sue parole non si riferiscono solo al rapporto con Iodaracing, ma anche a quello con Dorna, considerato che il marchio italiano appare nella cartellonistica dei circuiti come sulle uniformi dei controllori agli accessi nel paddock, tra le altre cose.

“Non si tratta si insoddisfazione, siamo contenti del lavoro fatto in questi due anni – continua Rossi – Ci sono vari fattori da considerare, la decisione se continuare con la nostra sponsorizzazione in ambito sportivo fa parte di piani aziendali più ampi. Nel recente passato siamo stati presenti in Superbike, poi abbiamo interrotto l’attività per un anno e siamo passati in MotoGP. Esiste anche la possibilità di fermarci un’altra volta”. Il colosso veneto (il cui fatturato è di circa un miliardo di euro) non ha fretta e ha i mezzi per impegnarsi in qualsiasi sport più gli piaccia.

Un suo eventuale addio non sarebbe però indolore per il motomondiale, che ha sempre più bisogno di sponsorizzazioni, sia per quanto riguarda le squadre che l’organizzatore. I problemi più grossi sarebbero per Giampiero Sacchi, che dovrebbe trovare un sostituto per lo sponsor principale, ma anche Dorna perderebbe un partner importante. Sembra, ancora una volta, che la MotoGP non riesca ad attrarre investitori per un lungo periodo e neanche che sia riuscita a rimpiazzare i tabaccai dopo il loro abbandono. Si sta parlando di soldi, non di sport, ma il secondo in piedi non sta, se mancano i primi.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti