Tu sei qui

News Prodotto, Polini Italian Cup: atto finale

Spettacolo a Viterbo per l'assegnazione degli ultimi titoli 2013

Con la sesta gara di campionato sul Circuito Internazionale di Viterbo si conclude la Polini Italian Cup 2013, che ha assegnato gli ultimi titoli dopo una intensa stagione di battaglie e emozioni in pista, lungo i migliori kartodromi e circuiti d'Italia. I campioni dell'anno sono Tiraferri (70 Evo Open), Bartolini (94 Big Open), Piacentini (Vespa 135 Classic), Zani (70 Evo Amatori), Moroni (70 Evo Monomarca) e Cuttitta (Pit Bike).  Purtroppo l'ultima gara è orfana del giovanissimo pilota 70 Open Niccolò Castellini, vittima di un incidente stradale e ancora in ricovero ospedaliero. Ecco come sono andate le ultime due gare di ogni categoria, fra la pista asciutta delle prime manche e la fastidiosa pioggia delle seconde gare.

Nella 70 Evo Open Filippo Corsi non ha potuto nulla contro Matteo Tiraferri, nonostante la sua doppietta in un weekend perfetto. Matteo è riuscito comunque ad arrivare secondo in entrambe le gare, così già dopo la prima manche si è potuto laurealre campione 2013. Le gare sono state comunque emozionanti, con l'incognita Sarik Roufs (wild card e campione olandese) che ha dato spettacolo. Tornerà in Olanda con un terzo posto assoluto.

Gli scooter dal “grosso calibro” della 94 Big Open hanno regalato grandi emozioni: Bartolini si è giocato il titolo all'ultima curva con Nico Morelli in due manche rese ancora più complicate da una bandiera rossa (per la caduta di Longo, in ospedale con diverse fratture) e dalla pioggia che ha condizionato Gara2. Alla fine Bartolini riesce a laurearsi campione vincendo la prima manche, Morelli ha vinto la seconda ma i punti racimolati non sono bastati.

Nella categoria Vespa 135 classic i giochi erano già conclusi, ma Piacentini non si è risparmiato nemmmeno nell'ultima gara, con il titolo già in tasca da Cremona. Sua la pole position e la doppietta, in solitaria nella prima manche e in spettacolare rimonta nella seconda. Il suo compagno di squadra nel team Duepercento, Marco Leaso, arriva secondo in campionato e in pista, mentre Ciacci e Grotto danno spettacolo spartendosi i due terzi posti di giornata.

Amatori gasatissimi per l'ultima gara di campionato, con Zani e Prischi separati da soli 4 punti. Alla fine della prima manche, però, è già epilogo con la vittoria di Luca Zani e il ritiro dalla gara per Prischi. Titolo quindi al numero 4 con lo Zip giallo-blu e Prischi che si accontenta del terzo posto nella seconda manche. Bellissime lotte, comunque, in entrambe le gare, specialmente nella seconda che premia con la prima vittoria Luca Lussana.

La categoria Monomarca ha chiuso la lotta per il titolo a Cremona, con Moroni vincitore in anticipo  ma comunque protagonista dello spettacolo di Viterbo: Unico vincitore di giornata con una splendida doppietta e Cristian Picciallo, autore di una scivolata (con strike su Gurrieri) e rimonta nella prima manche, poi lotta corpo a corpo nella seconda. Moroni, nonostante l'infortunio al piede, ha lottato con grinta e ha festeggiato con un lungo burnout il titolo 2013.

Le Pit Bike, come al solito, regalano sgomitate e sorpassi estremi, con Cuttitta finalmente campione, dopo aver sfiorato il titolo in anticipo a Cremona. Per lui è bastato il secondo posto dietro la wild card Tiraferri nella prima manche per festeggiare la conquista del campionato 2013. In Gara2 vince invece Camorcia, che si conferma secondo in campionato.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti