Tu sei qui

MotoGP, Test: il 2014 di Yamaha già in pista

GALLERY. A Misano anche Honda col prototipo della nuova moto. Brembo, nuovi dischi per Motegi

Procedono a rilento i lavori sul circuito di Misano, che vede impegnate oggi per i test tutte le squadre della MotoGP più gli 'ospiti' di Suzuki. Colpa della pioggia caduta abbondante ieri sera, che ha lasciato però posto al sole in mattinata. L'asfalto è ancora umido, poco prima di mezzogiorno, così quasi tutte le serrande dei box sono chiuse e celano ancora i proprii segreti. Che non sono pochi.

Yamaha e Honda hanno portato i prototipi delle moto 2014, Pedrosa e Marquez ne avevano già avuto un assaggio ad Aragon qualche mese fa, mentre per Lorenzo e Rossi sarà una prima assoluta, dopo che il maltempo li aveva costretti ai box a Brno, il lunedì dopo il GP. I meccanici di Iwata hanno già scaldato le moto, prima di chiudere le porte in attesa di un miglioramento delle condizioni della pista. Le nere M1 non svelano molto dall'esterno e concettualmente sono identiche alle attuali.

Sono attese anche novità nel box Ducati in previsione di Motegi. La pista giapponese, la scorsa stagione, aveva messo in crisi gli impianti frenanti che avevano raggiunto temperature fuori dai limiti previsti. Brembo ha quindi preparato un nuovo disco dal diametro di 340 mm. Per farlo, è stata fatta una deroga al regolamento, che prevede un diametro massimo di 320 mm per i dischi. I dati raccolti a Misano saranno utili per scoprire se la maggiore grandezza risolverà tutti i problemi di temperatura.

Intanto, quando manca poco a mezzogiorno solo tre piloti sono scesi in pista: Hiroshi Aoyama, Yonny Hernandez per i primi giri sulla Desmosedici di Pramac, Michele Pirro e Randy De Puniet. Il francese farà ancora una volta da tester alla Suzuki, che si fermerà a Misano fino a mercoledì. Assolutamente poco significativi i tempi fatti registrare.

GUARDA LA FOTOGALLERY


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti