Tu sei qui

MotoGP, Misano: è un Marquez da record

QP: Valentino Rossi chiude in terza posizione dietro Lorenzo. Pedrosa quarto

Cercare di trovare nuovi aggettivi per la sesta pole position stagionale di Marc Marquez risulta quantomai difficile. Probabilmente l'appellativo di Rookie esplica al meglio il talento di questo talento spagnolo. Già perchè, a furia di giri veloci, quasi ci si dimentica che stiamo parlando di un esordiente. Anche a Misano Adriatico, il pilota HRC ha finora dettato la sua legge, con una guida spettacolare quanto redditizia.

Talmente efficace da battere il record del circuito: 1'32.915 il riferimento cronometrico del pilota Honda, che abbassa di 223 millesimi il record fatto da Stoner nel 2011. Se a questo aggiungiamo anche il passo di gara da riferimento mostrato fin dal venerdi, per domani si prevedono tanti problemi..per gli altri. Ciò nonostante Marquez predica tranquillità in parco chiuso: "Vediamo domani com'è la gara che è la cosa più importante. Una Pole molto bella, ma anche il passo non è male. Peccato per la scivolata in Fp4. Domani comunque dobbiamo stare calmi. vale e Jorge non sono lontani".

In realtà, proprio Lorenzo promette battaglia ma sa bene che per la gara le Yamaha sono ancora un pò in ritardo: "Ci proveremo dall'inizio ad andare con Marquez. per il momento ha un passo di gara migliore, ma in gara può succedere di tutto. Come l'ultima gara a Silverstone? Forse, ma qui è più difficile." Il maiorchino ha provato in tutti i modi a conquistare la Pole position, con una serie di giri veloci in solitaria. Alla fine però, il distacco da Marquez è di ben 513 millesimi di secondo.

Un crono comunque migliore di 145 millesimi di secondo rispetto a quanto fatto da Valentino Rossi, che torna in prima fila dalle qualifiche del gran premio del Sachsenring. Il pilota di Tavullia ha mostrato progressi in qualifica, mostrandosi soddisfatto, sopratutto per una guida che lo porta a perdere terreno nel T1 e nel T2 fino alla Quercia, ma che lo fa essere il più veloce in assoluto da quel punto in poi, sul tratto più veloce del Curvone. "Devo dire che comunque Marquez già da ieri mattina era molto veloce. Dopo la scivolata è andato anche più forte." ha scherzato Rossi " Sono comunque molto contento di stare in prima fila. La moto si guida molto bene. Sono soddisfatto perchè con la seconda gomma ho migliorato. Con il passo siamo vicini, ma le Honda sembrano avere un pò di più. Perdo troppo nella prima metà della pista, poi guido molto bene, sono veloce. Magari sarà importante per domani, ma bisogna far bene fin dall'inizio".

Delude un poco Daniel Pedrosa, che accusa un ritardo di +0.811, e che domani aprirà la seconda fila, davanti a Cal Crutchlow (+1.099) e un eccellente Aleix Espargaro (+1.113) che riesce a mettersi dietro sia Stefan Bradl che Alvaro Bautista. Chiude la classifica dei primi dodici il poker di Ducati con Andrea Dovizioso, Nicky Hayden, Michele Pirro e Andrea Iannone. A ben vedere, il crono dei ragazzi di Borgo Panigale non è deludente. Il distacco da Jorge Lorenzo, secondo, è di nove decimi anche se stiamo pur sempre parlando del circuito di prova di Borgo Panigale.

 

CRONACA DELLE QUALIFICHE

Partono le Q1 sul circuito di Misano Adriatico. In pista le CRT più Cal Cratchlow, Michele Pirro e Bradly Smith. Espargaro direttamente in Q2

- i primi sul traguardo sono Laverty ed Hernandez. Randy De Puniet firma subito il giro più veloce in 1'35.596, seguito da Claudio Corti a 289 millesimi di secondo.

- Cal Crutchlow taglia il traguardo in 1'35.104, Smith gira 1.289 sec peggio. Pirro è secondo a 404 millesimi da Crutchlow

- Crutchlow migliora e chiude in 1'34.805, ma arriva lungo alla prima curva, giro perso dopo il tempo.

- Michele Pirro supera Crutchlow per 111 millesimi di secondo. Ora l'alfiere Ducati è primo. De Puniet è terzo a +0.902

- La terza Motogp, quella di Smith, rimane ancorata all'ottava posizione, tra Corti e Petrucci

- Ora Smith si migliora ma non sufficientemente. Chiude il suo giro in terza posizione a +0.175

sette minuti al termine, i piloti rientrano ai box per la prima sosta. Smith e Crutchlow continuano nei loro giri veloci.

- Cal Crutchlow sul traguardo fa lo stesso tempo al millesimo di Michele Pirro: 1'34.694. Il pilota Ducati Pramac rientra in pista

- Lungo di De Puniet al Tramonto

- Petrucci passa nono dietro a Claudio Corti.

- Michele Pirro alla Quercia ha un decimo di vantaggio, divenuti 3 centesimi al Tramonto, e 139 millesimi al Carro. Sotto il traguardo il pilota Ducati Pramac chiude con soli 16 millesimi di vantaggio su Crutchlow: 1'34.678

- Caduto Bradley Smth al Tramonto. L'inglese fuori dalle Q2. Miglior CRT - escluso Aleix Espargaro che si trova già in Q2 - è la FTR di Colin Edwards che chiude queste Q1 in quarta posizione

Classifica finale Q1:

Pirro, Crutchlow, Smith, Edwards, Aoyama, De Puniet, Barbera, Corti, Petrucci, Laverty, Hernandez, Abraham e Staring.

Iniziano le Q2

- Bandiera verde: tutti fuori per questi 15 minuti. Lorenzo sarà il primo ad effettuare un giro cronometrato.

- Rossi e Bautista dopo la variante del Parco, praticamente abortiscono il giro. Troppi piloti in bagarre.

- 1'33.824 il giro di Jorge Lorenzo, subito sotto l'1'34, Pedrosa gira molto più lento, a +2.855. Marquez anche gira lento a +1.6

- Lorenzo continua a martellare giri veloci. Al Tramonto ha 68 millesimi di vantaggio su se stesso. Peggiora a 39 millesimi al Carro e si immette sul traguardo dove chiude con 27 millesimi di vantaggio su se stesso. Attenzione però a Marquez che al Tramonto ha 3 decimi di vantaggio, e al Carro addirittura 4 decimi. Sul traguardo Marquez gira in 1'33.404. Lorenzo dietro a 393 millesimi dal #93.

- Marquez continua a far segnare caschi rossi. Nel T1 addirittura altri 123 millesimi meglio di se stesso. Rossi al momento è 12esimo e Lorenzo entra ai box

- Bautista passa terzo, con Bradl quinto e Espargaro sesto

- Sul traguardo Marquez gira a 6 centesimi da se stesso. Rossi passa terzo a 621 millesimi da Marquez, scavalcando Bautista. Manca Pedrosa all'appello, ottavo a +1.271

- Fine della prima tranche di giri. Marquez, Lorenzo, Rossi, Bautista, Crutchlow, Bradl, Espargaro, Pedrosa, Iannone, Hayden, Pirro e Dovizioso.

- 6.19 minuti al termine: Lorenzo rientra in pista, e contemporaneamente rientra Marquez per il cambio gomme diretamente in pit-lane

- Riparte anche Rossi e pochi secondi dopo Marquez. Grande stizza di Pedrosa con se stesso, tirando un pugno sul serbatoio.

- Dovizioso al Carro ha 9 decimi di ritardo. Può salire in seconda fila provvisoria. Arriva sul traguardo e chiude in 1'34.630, chiudendo in settima posizione

- Crutchlow ha perso il tappo dello scarico all'uscita dell'ultima curva.

- Nel frattempo Marquez accende un altro casco rosso al primo intertempo.

- Secondo tempo di Valentino Rossi a +0.255 da MNarquez. Attenzione a Lorenzo.

- Grande prestazione di Espargaro, quarto a +0.624

- Lorenzo chiude a soli 24 millesimi da Marquez, ma il pilota HRC migliora sia al T1 che al T2 al Tramonto. Incredibile anche al Carro, sotto di 395 millesimi. Arriva sul traguardo e fa il giro più veloce addirittura in 1'32.915. Un giro incredibile che distanzia di 513 millesimi di secondo Lorenzo e 223 millesimi meglio del record della pista fatto da Stoner nel 2011

-Bandiera a scacchi. Marquez firma una pole incredibile, davanti a Jorge Lorenzo e Valentino Rossi. Pedrosa quarto, Crutchlow quinto, Espargaro sesto. Terza fila per Bradl, poi Bautista, Dovizioso, Hayden, Pirro e Iannone.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti