Tu sei qui

MotoGP, Misano: Rossi in scia alle Honda

FP2 : Primo Marquez davanti a Pedrosa. Quarto Lorenzo, Ottimo quinto Aleix Espargaro

Il copione sembra il solito degli ultimi fine settimana. Se ad inizio stagione necessitava della prima giornata di prove per imparare al meglio le traiettorie con la Motogp, adattarsi, sistemare setting e - sostanzialmente - imparare, il Marc Marquez di questa seconda parte di stagione sembra un veterano con anni di esperienza sulle spalle, in grado di regolare tutti i contendenti fin da subito. Talmente veloce da fare da traino e riferimento a molti piloti, tra cui Valentino Rossi.

1'34.200 il riferimento cronometrico del giovane rookie HRC, con un passo di numerosi giri incentrato sempre sull'1'34, e che a metà sessione ha avuto anche la fortuna di rimanere in piedi quando, alla doppia del Rio, una piccola chiusura dell'anteriore gli ha fatto perdere l'equilibrio, rimanendo appeso alla moto con lo stivale sinistro sul codino. Subito dietro Marquez, ecco Daniel Pedrosa per una doppietta del venerdi di casa Honda. Il fantino di Sabadel ha provato negli ultimi momenti della sessione a prendersi la Pole virtuale, arrivando a sfiorarla per soli 33 millesimi di secondo. Le Honda dunque dettano il ritmo in questo venerdi pomeriggio di Misano Adriatico.

Terza posizione per Valentino Rossi, veloce negli ultimi minuti della sessione, e che poteva migliorarsi insieme a Marquez sotto la bandiera a scacchi, se non avesse incontrato Pesek, intento giustamente a svolgere le sue prove, nelle ultime curve del tracciato. Il passo del pilota di Tavullia è di pochi decimi peggiore rispetto ai due piloti Honda. Rossi ha mostrato uno stato di forma piuttosto buono, a dispetto di un Lorenzo sempre molto regolare, in grado di macinare 14 giri complessivi divisi in tre diversi stint su un ritmo costante, ma decisamente insoddisfatto di questa prima giornata di prove. Brucia evidentemente aver accusato un ritardo di 295 millesimi di secondo da Marquez.

Il vero eroe della giornata è però Aleix Espargaro, al centro di diverse voci di mercato tra Yamaha e Aprilia, che chiude questa seconda sessione di prove libere addirittura in quinta posizione (+0.532), precedendo la Honda di Bautista e la prima Ducati in pista, quella del collaudatore Michele Pirro, settimo a +0.689. Ottava posizione per Andrea Dovizioso (+0.701), davanti a Stefan Bradl, nono e autore di una caduta. Decimo è invece la delusione di questo venerdi di prove, Cal Crutchlow che chiude a +1.008, davanti di un solo centesimo ad Andrea Iannone. 12esima posizione per Nicky Hayden (+1.231). L'americano non è riuscito a migliorare in queste fp2 il tempo della mattinata. Una "peculiarità" capitata anche a Hector Barbera e Yonny Hernandez.


Caduti Bradley Smith, Stefan Bradl e Karel Abraham, uscito malconcio, tenendosi la spalla sinistra.


Da segnalare le posizioni degli altri due italiani che corrono con le CRT, Danilo Petrucci 13esimo (+1.733) e Claudio Corti 15esimo (+1.922)


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti