Tu sei qui

Nakamoto: Ktm distruggerà la Moto3

"E' più costosa della Moto2, invece dovrebbe essere una classe di accesso al Mondiale"

Il mondiale della Moto3 è largamente dominato dalla KTM. Così come ai tempi della 125 lo era dall'Aprilia. La differenza fra allora ed ora non esiste, anzi i team si lamentano che oggi la "classe di esordio" del motomondiale sia addirittura più costosa rispetto al passato.

Di ciò è convinto Shuhei Nakamoto, vicepresidente esecutivo della Honda che ha rilasciato una intervista al vetriolo a Speedweek.

"Il mondiale della Moto3 è pazzesco - ha detto il manager giapponese - parteciparvi è più costoso di fare la Moto2. Anche gli stipendi dei piloti sono troppo alti. Ci sono piloti KTM pagati di più di quello che prende Stefan Bradl in MotoGP. Questa è una cosa inaccettabile. Ora anche Mahindra sta andando sulla stessa strada”.

C'è chi ha criticato Nakamoto per questa risposta. La realtà, però, è che tutto ciò è la pura verità. Corrisponde anche al vero che KTM stia affrontando il campionato con una filosofia completamente diversa di quella della Honda, che è quella di sostenere il campionato con 250 quattro tempi dal costo contenuto.

Il problema è che nelle corse i risparmi hanno vita breve. Se si proibisce una cosa, si investe in un altra per incrementare le prestazioni.

Per questo motivo chi vuole battersi per la vittoria nel prossimo futuro acquisterà una KTM, a meno che la Honda si decida ad entrare anch'essa nell'agone. Cosa che potrebbe accadere solo se la Honda pensasse che c'è di mezzo una questione di onore.

“KTM crede seriamente di poter sconfiggere la Honda se facessimo un team ufficiale in Moto3 come lo abbiamo in MotoGP? La realtà è che siamo in Moto3 con intenzioni ben diverse. Se continueranno così KTM e Mahindra distruggeranno la categoria. Noi consideriamo la Moto3 la porta di accesso al motomondiale, istituita per aiutare i giovani piloti a correre a costi ragionevoli. In modo che poi possano un giorno arrivare in MotoGP”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti