Tu sei qui

SBK, Stock: Barrier continua il suo dominio

In Stock 600 Italia in prima fila con Gamarino, Nocco e Morbidelli

Il fine settimana di Sylvain Barrier continua ad avere un comune denominatore nelle ultime tre sessioni: la prima posizione. Anche nelle seconde prove ufficiali di qualificazione, il capoclassifica portacolori del team BMW Motorrad è riuscito ad essere il più veloce di tutti, stampando un 1'58.624, 62 millesimi meglio del secondo in classifica, Jeremy Guarnoni con la Kawasaki del team MRS. Ciò che impressiona di più del campione in carica, è però la costanza dei tempi realizzati durante la sessione, con uno stint di 5-6 giri consecutivi di ottima fattura.

A tenere alto il nome dell'italico Stivale c'è Niccolò Canepa, staccato di 258 millesimi dalla vetta e pronto a dar battaglia domani per la gara. Il compagno dello sfortunato Eddi La Marra precede l'unico pilota che nel Civ potrebbe proprio togliere la corona al pilota di Ferentino, ovvero l'argentino Mercado (+0.427).

Decima posizione per Lorenzo Savadori, con la Kawasaki del team Pedercini, a +1.093, seguito da Marco Bussolotti in 12esima piazza (+1.631), Simone Grotzkyj Giorgi in 13esima posizione (+1.725), Fabio Massei in 14esima piazza (+1.740) e Alessandro Andreozzi (+1.829)


Nella Stock 600, la vittoria sul circuito di Silverstone in gara 2 ha dato evidentemente tanta fiducia a Christian Gamarino che ha fatto segnare il miglior tempo cronometrato conquistando quindi la sua prima pole position in carriera. Il pilota di Genova, in sella alla ZX6R del team Go Eleven, ha fermato il crono in 2'01.723, precedendo di poco più di un decimo Alessandro Nocco (2'01.899) e Franco Morbidelli (2'02.215), entrambi portacolori Kawasaki del team San Carlo Team Italia. Prima fila tutta italiana e tutta colorata del verde di Akashi, seguita da una seconda fila tutta Yamaha con Duwelz, Tuuli e Nesterovic, mentre Bastien Chesaux, portacolori del team AEB Ten Kate Junior apre la terza fila con il settimo riferimento cronometrico a un secondo e tre decimi dalla vetta.

Gli altri italiani: Salvadori 11esimo (+1.439), Casalotti 13esimo (+1.843), Vitali 17esimo (+2.048), D'Annunzio 21esimo (+2.699), poi Cecchini, Pellegrini e Morrentino dal 23esimo al 25esimo posto e Cocco 27esimo.

Proprio Nicola Morrentino, portacolori Team Trasimeno Yamaha, è stato autore di una caduta alla curva otto e Luca Salvadori (Pata by Martini Team Yamaha) alla curva undici.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti