Tu sei qui

MotoGP, Aprilia torna ufficiale per Espargaró

Borsoi: "Dall'Igna sarà a Brno per comunicarci i piani per il 2014. Hayden? Ci interessa"

C’è un nome che, ormai blindato il mercato delle moto ufficiali, è sulla bocca di tutto il paddock per il 2014: Aleix Espargaró. Grazie alle sue prestazioni sulla Art in questa prima parte di stagione ha attirato su di sé molti sguardi e anche lo spagnolo sembrerebbe interessato a cambiare aria. Magari dia salire su una delle Yamaha prenotate dal team Forward per il prossimo anno. Un’operazione che sarebbe possibile anche se il suo contratto non lo lascerebbe libero. “Se Aleix fosse il primo delle CRT a fine stagione, allora automaticamente sarebbe di nuovo legato alla nostra squadra” spiega Gino Borsoi, team manager di Aspar.

Anche questa evenienza, molto probabile, non chiuderebbe però tutte le porte a Espargaró. “Una squadra è fatta di tanti componenti che devono lavorare insieme e non mi piacerebbe avere un pilota che sia con noi controvoglia – continua Borsoi – In quel caso, mi siederei a un tavolo con lui per trovare una soluzione”. Il manager veneto sa di potere contare su un asso nella manica per tenere il suo pupillo e quella carta si chiama Aprilia.

Domani, a Brno, è atteso l’ingegner Gigi Dall’Igna per illustrare i programmi per il prossimo anno e potrebbe già confermare che la sigla Art verrà abbandonata per tornare ufficialmente con il nome Aprilia. Borsoi non conferma né smentisce, “è una possibilità – si fa diplomatico – A Noale vogliono impegnarsi sul nuovo progetto, rendere la moto molto più vicina a una MotoGP”. Infatti a breve sul banco prova è atteso un nuovo propulsore con distribuzione a valvole pneumatiche e altre novità sono attese.

Avere Aprilia ufficialmente impegnata potrebbe fare pendere la bilancia di Aleix dalla parte di Aspar. “Avere un’azienda alle spalle è diverso che correre su una Yamaha di ‘terzo livello’ – spiega Borsoi – Prima ci sono le ufficiali, poi quelle del team satellite e infine quelle di Forward. Altra cosa, invece, potere contribuire direttamente allo sviluppo della moto, avere una Casa che lavora sulla base delle tue richieste. Sarà importante quello che ci dirà Dall’Igna domani, perché potremo poi illustrare il progetto ai nostri piloti e incominciare a parlare del futuro”.

Se Aleix rimarrà, c’è ancora il dubbio di chi sarà al suo fianco. Il contratto di De Puniet è in scadenza e le sue prestazione non sono al livello di quelle del compagno di squadra al momento. “Randy ha sofferto di più i cambiamenti alla moto, ma non abbiamo ancora parlato del prossimo anno. Lo faremo non appena i piani di Aprilia saranno chiari” sottolinea il team manager.

Il suo posto appare però traballante e il nome di Hayden si fa sempre più insistente nella lista dei possibili sostituti. “Non posso negare che Nicky ci interessi – conferma Borsoi – E’ un pilota veloce e con molta esperienza che potrebbe aiutare nello sviluppo della nuova moto. Inoltre il mercato americano è sempre più interessante per il Gruppo Piaggio”. Sembra quasi che i contatti siano già in corso. “Non abbiamo ancora parlato con nessuno – nega il manager – Come ho detto prima aspettiamo le comunicazioni di Aprilia”.

Quindi il mercato di Aspar inizierà domenica. “Magari già domani sera”, scherza Borsoi.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti