Tu sei qui

MotoGP, Marquez: in gara ci sarà da divertirsi

Lorenzo e Pedrosa pronti a mettergli i bastoni fra le ruote. La Ducati sorride con Hayden

La MotoGP è ritornata a parlare spagnolo, sua lingua di adozione oltre che di Marquez, Lorenzo e Pedrosa. In rigoroso ordine di posizione in qualifica. Il diavoletto di Cervera si è divertito a scorrazzare per Indianapolis dal primo minuto e, da vero cannibale, non ha lasciato neanche le briciole agli avversari. Primo in ogni turno, in qualifica non si è accontentato di infrangere il record del compagno di squadra, ma ha ripetuto l’operazione per due volte. “Il primo giro ho sbagliato qualcosina, ma nel secondo sono stato velocissimo”. Bontà sua che l’ha ammesso.

La verità è che Marc in questi primi due giorni, sembra stare correndo solo contro se stesso. Gli altri non possono fare altro che limitare i danni. Sono stati bravi Jorge e Dani, non ancora in perfetta forma, a resistergli. Come anche Crutchlow. Mezzo secondo è poca cosa, rispetto ai distacchi patiti dagli altri piloti. “Sono contento – ha detto Lorenzo – era un po’ di gare che non partivo dalla prima fila ed è importante farlo qui, su una pista favorevole alla Honda. L’importante sarà partire bene, stare attaccato a Marc e gestire bene forze e gomme”. Lo stesso piano di Pedrosa, che si dice “un po’ preoccupato della mia condizione fisica, speriamo che regga fino alla fine. Anche se oggi sono riuscito a migliorare e sono contento”.

Dani ha sedici punti di svantaggio da Marquez, Jorge dieci in più. La paura è che domenica sera siano di più. “In gara ci sarà da divertirsi” le parole del campioncino, che spiegano bene il suo atteggiamento. Questo non vuol dire sottovalutare i suoi avversari, anzi. “In qualifica è diverso – ha spiegato – puoi sfruttare al massimo la gomma nuova, in gara bisognerà stare un po’ più tranquilli e stare attenti al consumo delle gomme. Ma questo circuito mi piace molto, quando l’asfalto è scivoloso mi trovo bene, riesco a trovare il limite”.

Cal CrutchlowUn bel guaio per i suoi avversari, che però non alzano bandiera bianca. “Forse potrò anche giocarmi la vittoria” ha detto Lorenzo. “La cosa importante è che qui posso guidare meglio” ha aggiunto Pedrosa. Della partita potrebbe esserci anche Crutchlow, che usa un nuovo serbatoio sulla sua M1, anche se la scarsa aderenza dell’asfalto non permette di dare troppo benefici. “Sono un po’ deluso di non essere in prima fila – ha commentato l’inglese – Ma sono stato più veloce che in passato e il podio è alla mia portata”. Un altro outsider potrebbe essere Bradl, che ha vanificato le buone prestazioni dei turni precedenti con una scivolata in qualifica.

La Ducati può solo consolarsi con la seconda fila di Hayden, che non ha deluso sulla pista di casa. “E’ andata meglio che nei turni precedenti e abbiamo ancora un paio di idee per domani” ha detto. Meno soddisfatto Dovizioso, “ho fatto due errori alle curve 2 e 3 nel mio giro veloce – ha spiegato – Ho guidato aggressivo per cercare il tempo ma non c’era abbastanza grip. La gara? Penso di potermela giocare non Nicky, forse anche con Smith”. Nessuna grande aspettativa. A complicare il weekend della Rossa anche l’ennesimo infortunio di Spies. A Iannone il compito di tenere alta la bandiera di Pramac. “E’ un weekend positivo al momento – il commento - non credevo di poter fare tanto. Domani però la gara è lunga, andrò sicuramente in Clinica domattina ed assieme a loro valuteremo cosa fare per l’eventuale dolore”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti