Tu sei qui

MotoGP, Yamaha: cambio promosso, debutterà in gara

Rossi e Lorenzo a Brno danno l'OK al seamless, ma c'è solo un motore su cui montarlo

Ieri Valentino Rossi aveva scherzato su Twitter commentando la foto di un Uccio dormiente che vedete qui sotto: “oggi a Brno test molto importante per la seconda metà della stagione. La tensione era palpabile”. Ma, pur usando l’ironia, il Dottore non mentiva. La due giorni sulla pista ceca è stato un momento decisivo per la squadra Yamaha che ha portato in pista un componente che i piloti chiedevano da tempo: il cambio seamless, arma (non troppo) segreta di Honda e a disposizione anche di Ducati da tempo.

Il componente, come è noto, non regala decimi a profusione, appena due o tre a seconda della pista, ma ha il vantaggio di scomporre meno la moto nelle cambiate nei curvoni veloci, aumentandone la stabilità, e di essere anche più dolce con le gomme. Gli ingegneri di Iwata sono arrivati in ritardo rispetto alla concorrenza, ma sembrano avere svolto il loro lavoro a dovere. Sia Rossi che Lorenzo avevano due moto equipaggiate con il nuovo particolare ed entrambi l’hanno promosso a pieni voti. Tanto che il suo debutto in gara è atteso prima della fine della stagione.

A rallentarne l’utilizzo c’è però, come detto ieri, il problema di avere ancora solo un motore a disposizione da qui alla fine dell’anno. Valentino e Jorge hanno ancora solo un motore da punzonare, ma sembra che questo ultimo propulsore possa accogliere il nuovo cambio con solo piccole modifiche. Difficilmente però i piloti lo avranno a disposizione nei prossimi Gran Premi, più facile vederlo all’opera dopo Misano, o da Sepang in poi.

Per il resto la giornata è trascorsa senza troppi problemi almeno per Lorenzo, che ha completato 71 giri, più della distanza di circa tre gare. Rossi invece è stato protagonista di un piccolo inconveniente a una moto, ripreso da uno spettatore che lo ha pubblicato in rete. Il Dottore è rimasto fermo nelle vie di fuga ad aspettare l’intervento di un tecnico. Non si conoscono ufficialmento le cause del guasto, ma il colpevole non dovrebbe essere il cambio ma un particolare di poco conto. A causa dell'imprevisto, Valentino ha percorso solo 47 giri.

GUARDA IL VIDEO

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti