Tu sei qui

SBK, MV Agusta protagonista in Supersport

Silverstone: Italia bene in Stock 1000 e 600, ombre in WSS

La seconda sessione di prove ufficiali di qualificazione del campionato del mondo supersport ha visto ancora una volta la lotta la vertice tra i due grandi protagonisti del campionato, Kenan Sofuoglu e Sam Lowes. Nella terra d'albione, la pole è andata al forte pilota inglese. Una prima posizione conquistata col "botto", nel vero senso della parola. Il portacolori Yamaha ha infatti chiuso la sessione con una caduta che non ha precluso però la sua posizione finale. 2'07.666 il tempo di Lowes, 337 millesimi di secondo meglio di Sofuoglu. L'italico stivale era stato protagonista ieri con il giovane Riccardo Russo, oggi purtroppo solo 11esimo e con problemi di assetto che tendevano a far scivolare troppo la sua Kawasaki. A tenere alti i nostri "vessilli" ci ha pensato allora la MV Agusta che con Christian Iddon conquista la prima fila.

Sesta piazza per il fresco vincitore della 8 ore di Suzuka Vd. Mark, a precedere Foret, Kennedy, Salome Quarmby in decima piazza.

Dodicesimo posto per il secondo portacolori MV Agusta Roberto Rolfo (+1.703), seguito da Raffaele De Rosa (+1.790) e Lorenzo Zanetti (+1.899). Ventesimo Luca Scassa a più di due secondi dalla vetta, davanti anche a Massimo Roccoli che chiude 23esimo.

Italiani buoni protagonisti in Stock 1000 anche se la prestazione di Niccolò Canepa ed Eddi La Marra, rispettivamente secondo e terzo, è stata oscurata dal tempo-monstre di Sylvain Barrier con la S1000RR del team BMW Motorrad Goldbet. Il campione in carica ha fermato il cronometro in 2'07.833, ben nove decimi meglio di Canepa, seguito a ruota dal suo compagno di squadra del team Barni. Da sottolineare anche la buona prestazione di Alessandro Andreozzi, portacolori del team Pedercini, protagonista nelle scorse edizioni del CIV Moto2, che chiude in ottava piazza. Meglio di lui, il suo compagno di squadra, Lorenzo Savadori in quinta piazza.

Nella Stock 600, la pole position è stata appannaggio di Alessandro Nocco. Il giovane pilota del team San Carlo Italia ha mostrato un grande feeling con il tracciato di Silverstone, tanto da risultare l'unico pilota in pista ad aver girato con un riferimento cronometrico inferiore al 2'12.

2'11.406 il limite stabilito dal giovane di Gagliano del Capo che ha mostrato in questo fine settimana un dominio assoluto. Il suo primo avversario in classifica, il belga Duwelz, accusa un ritardo di 594 millesimi di secondo. Terza piazza per un altro nostro rappresentante del team San Carlo Italia, Franco Morbidelli, a 7 decimi dal suo compagno di squadra.

Da sottolineare anche la prestazione di Christian Gamarino che chiude in quarta posizione con la Kawasaki del team GoEleven, in seconda fila per soli 37 millesimi. Non resta che attendere domani. Entrambe le categorie propedeutiche, la Stock 600 e la Stock 1000, avranno due manche da disputare.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti