Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo e Pedrosa: piegati, non spezzati

Dani: "frattura completa notata solo ora". Jorge: "Due mesi per essere al 100%"

"Frangar, non flectar", dicevano i latini. In italiano, la frase è spesso ribaltata per sottolineare la capacità di adattarsi alle sventure. Ed è esattamente quello che hanno fatto Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo – sia a livello mentale che fisico – a Laguna Seca.

Dopo una violenta caduta in prova al Sachsenring, il fantino di Sabadell (secondo in classifica a 16 punti da Marquez) era volato alla volta della California con la diagnosi di una micro-frattura alla clavicola sinistra. Esami successivi alla gara, chiusa al quinto posto, hanno invece evidenziato una situazione più critica.

"Dopo lo sforzo era importante esaminare lo stato della clavicola, una TAC tridimensionale ha rivelato una frattura completa, che prima non era stata evidenziata a causa dell'ematoma che ostacolava la visibilità dei semplici raggi X – ha scritto Pedrosa nel suo blog – La clavicola comunque non ha subito spostamenti ed è perfettamente allineata, quindi non mi dovrò operare. Tra due settimane farò un altro controllo, e durante le vacanze eseguirò fisioterapia per arrivare in forma ad Indianapolis".

Non è ideale nemmeno la situazione del campione in carica Jorge Lorenzo, che alla BBC ha dichiarato che "l'infortunio alla spalla necessiterà almeno due mesi per un pieno recupero".

Il maiorchino, terzo in campionato a 26 punti da Marquez, ha subito due operazioni nell'ultimo mese, l'ultima delle quali per sostituire la placca in titanio inserita nella spalla dopo Assen e piegata dalla botta rimediata in Germania. Con nove gare da disputare, dovrà impostare un girone di ritorno all'attacco.

"Da qui alla fine lavorerò duro per vincere quante più gare possibili e recuperare lo svantaggio – ha aggiunto Lorenzo – Sto già meglio che a Laguna Seca e sto aspettando qualche aggiornamento da parte di Yamaha per aiutarmi nell'impresa".

Tra i due litiganti, Marc Marquez ha approfittato delle circostanze per portarsi in testa alla classifica. Riuscirà a difendere il proprio vantaggio? Lasciate i vostri commenti QUI!

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti