Tu sei qui

SBK, Giugliano: da "privato" c'è più gusto

"Che soddisfazione battere gli ufficiali". Melandri: "Mi aspetto due gare di gruppo"

L'eroe di giornata a Mosca porta il nome di Davide Giugliano. Il 23enne romano ha sfruttato al meglio la caduta di Tom Sykes – reduce da sei Superpole consecutive – per aggiudicarsi la prima pole position della carriera in Superbike con un 1'34.676. Attribuire questo successo ai passi falsi altrui non renderebbe però giustizia al duro lavoro del pilota capitolino e del team Althea.

"Questo risultato è una grandissima soddisfazione per me e per la mia squadra – ha dichiarato Giugliano – Ringrazio tutti per l'aiuto che mi stanno dando. Dopo qualche gara che ci è servita per acquisire la giusta esperienza con una nuova moto, ora abbiamo raggiunto una grande competitività".

Guai però ad adagiarsi sugli allori, il romano è il primo a saperlo, se alla qualifica si vuole far seguire una vittoria.

"Non dobbiamo smettere di lavorare, perché dobbiamo migliorare la confidenza con l’anteriore, ma siamo senza dubbio sulla strada giusta – ha aggiunto – Questa Superpole ha un grande valore per me e per il mio team ed è una  grande soddisfazione battere i piloti ed i team ufficiali. Domani spero di poter lottare per la vittoria".

A mescolare le carte in gara sarà probabilmente il meteo, che minaccia altra pioggia. In ogni caso, Giugliano si è dimostrato competitivo in ogni condizione, facendo registrare il secondo miglior tempo sia sull'asciutto che sul bagnato prima della Superpole. Tra tanti avversari temibili, il suo punto di riferimento rimane comunque Sykes, con il quale aveva già battagliato ad Imola, che partirà dalla nona posizione dopo la caduta nella Superpole 3.

"Saranno due gare difficili e nonostante la caduta di oggi penso che anche Sykes sarà della partita. Inoltre ci sarà anche l’incognita del meteo e al momento si prevede pioggia. Da parte mia darò il massimo per ottenere un altro grande risultato".

Qualifiche positive anche per Marco Melandri, autore del quinto tempo. Nonostante la prima fila del compagno di squadra Davies, il ravennate sembra sereno e ottimista per le gare sulla pista dove lo scorso anno ha ottenuto una vittoria ed un secondo posto.

"Oggi abbiamo fatto un bel passo avanti, specialmente sul passo di gara sia sull‘asciutto che sul bagnato – ha detto "Macho – Abbiamo migliorato nell’ultimo settore, mentre abbiamo ancora del margine nel primo. Il meteo domani sarà la chiave, infatti, se dovesse cambiare in corsa, dovremo fermarci per cambiare le gomme, stasera definiremo una strategia in questo senso".

Visti i distacchi estremamente contenuti in qualifica – sette piloti in mezzo secondo – il ravennate non fa pronostici.

"Domani mi aspetto una gara di gruppo, su questa pista é difficile sorpassare, ma noi possiamo essere davanti. Il quinto posto di oggi é un buon risultato, mi sento bene per la gara e sono contento".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti