Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: a Laguna Seca ci sono anch'io

Il pilota Yamaha ha l'OK dei medici e volerà oggi in California

Alla fine l'animo del pilota ha preso il sopravvento sulla razionalità dell'uomo. Forse. Lo può sapere solo lui: Jorge Lorenzo, nonostante l'invito alla prudenza da parte dei medici, correrà a Laguna Seca. Il maiorchino ha condiviso questa mattina una foto che lo ritrae nell'atto di chiudere la valigia prima di volare verso la California, terra promessa del sogno iridato spagnolo.

Riprenderà da lì la contesa tra lui e Pedrosa, auto-eliminatesi dal GP del Sachsenring con due cadute rovinose rispettivamente al venerdì ed al sabato. Laguna Seca è però una pista tecnica, insidiosa, e che richiede estrema cautela. Ne sa qualcosa lo stesso pilota Yamaha, che nel 2008 cadde da altezze siderali dopo un high-side alla curva 6 al primo giro in gara.

Non resta che attendere venerdì sera (ora italiana) per capire quanto le cadute abbiano intaccato fisico e morale dei due pretendenti al titolo.

Entrambi, intanto, si trovano alle spalle di Marc Marquez, il più "saggio" in Germania, dove ha mostrato di avere imparato la recente dura lezione impartitagli dalle gomme fredde ad Assen. Il prodigio catalano avrà comunque il suo bel daffare per interpretare al meglio un tracciato atipico come quello californiano, ma c'è da scommettere che proverà ad approfittare di qualsiasi crepa, piccola o grande che sia, nell'armatura dei suoi connazionali teoricamente più esperti e quotati. Dopotutto, c'è in palio un mondiale. Mica spiccioli…

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti