Tu sei qui

MotoGP, Marquez: vincere? Meglio con Dani e Jorge

Primo posto in gara e nel mondiale: "è incredibile, ma il mio atteggiamento non cambia"

Marc Marquez ha fatto una gara semplicemente perfetta. Ha corso un Gran Premio non debuttante, ma da campione consumato. Ha recuperato una partenza non perfetta, “ho fatto slittare la frizione” ha spiegato, ha superato gli avversari con aggressività ma senza eccedere. Infine ha saputo amministrare il vantaggio, tenere a bada Crutchlow, senza commettere il minimo errore. “E’ stata una gara completamente diversa da quelle che ho fatto fino a ora – le sue parole – Cal alla fine spingeva veramente forte ed era rischioso non farmi raggiungere”.

Era un’occasione importante per te.

Sì, una gara speciale. Sapevo di dovere sfruttare quest’opportunità, non capitano spesso. Il primo obiettivo era fare più punti possibili. All’inizio ero nervoso, poi mi sono tranquilizzato”.

E’ la tua seconda vittoria in MotoGP, dopo quella ad Austin.

Ma queste è stata diversa. Perché non c’erano Dani e Jorge in pista. Io preferisco quando ci sono loro e soprattutto se è una gara di gruppo. Oggi è stata una buona esperienza, ma ho imparato di più a Jerez o Barcellona, dove li ho seguiti dall’inizio alla fine. Mi auguro che ritornino presto”.

Adesso sei in testa al mondiale. Come ti senti?

“E’ incredibile, non avrei mai immaginato di essere primo dopo 8 gare ma questo non cambierà il mio atteggiamento. Penserò gara per gara come ho sempre fatto e rimarrò calmo. Siamo in cinque piloti in 37 punti, sarà molto interessante”.

Fra qualche giorno sarà già ora di Laguna Seca, cosa ti aspetti?

Mi dicono tutti che sia una pista tanto bella quanto difficile. Dovrò approcciarla ne modo giusto, cercando di impararla a poco a poco”.

Come ti preparerai?

“Guarderò i video dei Gran Premi e il giovedì farò qualche giro sullo scooter. Magari chiederò a Valentino se posso seguirlo per tutto il primo turno di prove libere! (ride)”

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti